Quotidiano Nazionale logo
12 mag 2022

Una stanza speciale nella Casa di Riposo “Fossombroni” per i disturbi cognitivi

La collaborazione tra la direzione della zona distretto di Arezzo della Asl e la ASP Fossombroni ha dato vita a un progetto originale e di grande innovazione per il trattamento dei pazienti con disturbi cognitivi

featured image
Stanza

Arezzo, 12 maggio 2022 - Un approccio olistico per la sedazione naturale dei disturbi del comportamento passando dalla chimica farmacologica alla natura; è questo l’ambizioso obiettivo che ha guidato la Direzione del Distretto Sanitario di Arezzo della ASL Toscana Sud Est e la Casa di Riposo “Fossombroni”, conosciuta come Casa Pia, nella realizzazione di un innovativo progetto per l’utilizzo della stanza Snoezelen o multisensoriale presso lo stesso istituto nel centro storico cittadino. Le stanze dedicate a questo servizio sono ubicate al piano terzo della Casa Pia che ha messo a disposizione un ambiente di 120 metri quadrati completamente dedicato alla multi-sensorialità. Un progetto che ha visto assieme, oltre alla ASL e all’ASP Fossombroni, l’Ufsmia Salute Mentale Adulti, i Medici di Medicina Generale, il Geriatra Territoriale, il personale infermieristico, gli OSS, gli ADB della struttura, la dott.ssa Silvana Repetti come esperta consulente e la specialistica di Ayurveda Titti Mattesini. La Casa di Riposo “Fossombroni”, nel cuore di Arezzo, è una struttura residenziale mista che accoglie adulti inabili, anziani autosufficienti e non autosufficienti, non altrimenti assistibili a domicilio. Lo Snoezelen è un approccio nato in Olanda alla fine degli anni ’70 che implica la realizzazione di attività rilassanti attraverso stimolazioni sensoriali visive, uditive, olfattive e tattili facilitate dal ruolo funzionale del personale che partecipa a tali attività. È un progetto che ha molteplici obiettivi: ridurre i comportamenti disadattavi, aggressività/autolesionismo, aumentare i comportamenti adattivi (in particolare su abilità di comunicazione); aumentare il benessere psico-fisico; potenziare le esperienze relazionali positive tra caregiver e utenti. Il percorso, inoltre, ha la finalità di aumentare il benessere degli utenti tramite una diminuzione dell’assunzione di farmaci, nel caso in cui possano essere sostituiti da un’alternativa naturale come gli oli essenziali. «La nostra volontà - commenta la presidente Debora Testi, Casa di Riposo “Fossombroni”, - è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?