Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Sansepolcro, un anno fa il fermo ai treni sulla linea della ex Fcu

E il tratto fino a Città di Castello difficilmente verrà ripristinato in dicembre. "Ci sono i soldi, ma ancora nulla sulla tempistica dei lavori", ha detto il vicesindaco biturgense Luca Galli

Ultimo aggiornamento il 11 settembre 2018 alle 23:02
La stazione ferroviaria di Sansepolcro

Arezzo, 11 settembre 2018 - E’ scattato l’anno esatto di silenzio sui binari della Ferrovia Centrale Umbra e sull’appendice toscana non finirà qui. Alla mezzanotte del 12 settembre 2017, come si ricorderà, venne decretata la sospensione totale delle corse a causa dei lavori di riqualificazione dell’intera tratta. Da quel momento, niente più treni. Si era parlato di riapertura entro l’inizio del nuovo anno scolastico: una promessa mantenuta solo in parte, perché fra Umbertide e Ponte San Giovanni c’è già un rinvio dovuto alla carenza dei necessari sistemi di sicurezza, mentre il tratto Città di Castello-Umbertide dovrebbe tornare in esercizio da lunedì 24 settembre. E quello da Sansepolcro a Città di Castello? Si era parlato di dicembre, ma c’è il rischio concreto di uno slittamento anche a giugno. “Ci hanno garantito la copertura economica, senza tuttavia indicazioni precise sulla tempistica dei lavori – ha sottolineato Luca Galli, vicesindaco di Sansepolcro – per cui il sottoscritto e i sindaci Paolo Fratini di San Giustino e Luciano Bacchetta di Città di Castello siamo stati chiari: apprezziamo lo sforzo fatto finora per rispettare i tempi, ma questo è un completamento solo parziale. Implicazioni più burocratiche che tecniche stanno bloccando il tratto meno bisognoso di interventi, quello appunto da Sansepolcro a Città di Castello: una volta partiti, comunque, i lavori saranno anche abbastanza veloci”. E intanto, monta la protesta degli utenti anche per il sovraffollamento giornaliero dei bus.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.