Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Maltratta la moglie: denunciato e allontanato da casa

Protagonista un quarantenne albanese, le angherie ai danni della giovane consorte 

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 15:39
Polizia

Arezzo, 12 settembre 2018 - Continua l’azione di contrasto alla violenza di genere. La polizia di Stato ha denunciato per maltrattamenti un marito violento, albanese di 40 anni, allontanandolo poi dalla casa familiare. 

La squadra mobile nella giornata di ieri, con provvedimento richiesto ed ottenuto dall’autorità giudiziaria ha eseguito il provvedimento di allontanamento d’urgenza dalla casa familiare e applicazione della misura del divieto di avvicinamento alle persone offese. È durata più di un mese l'attività investigativa che ha preso il via dalla denuncia di una giovane donna albanese che ha raccontato i gravi episodi di maltrattamento di cui è stata vittima da parte del marito. "Mi impedisce di uscire di casa, non posso frequentare nessuno, non posso avere denaro mio, non posso lavarmi i denti sennò mi accusa di tradirlo, mi tira addosso la minestra se non è di suo gradimento".

Questi sono solo alcuni dei comportamenti di cui si rendeva responsabile il quarantenne albanese nei confronti della sua giovane moglie, madre di due bambini piccoli. La donna ha anche dichiarato ai poliziotti di essere stata costretta a sposare l'uomo in Albania, e che al presentarsi dei primi atteggiamenti violenti del marito, chiesto conforto alla propria famiglia di origine, il padre gli aveva intimato di essere obbediente nei confronti del proprio consorte ed assecondare sempre le sue richieste. I poliziotti della  mobile, con l'ausilio  dell'associazione Pronto Donna con la quale collaborano strettamente in questi casi, sono riusciti ad interrompere questa situazione di abusi collocando la donna in una struttura protetta insieme ai propri figli.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.