Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

La Finanza sequestra quindici chili fra oro e argento del valore di centomila euro

Tutto è partito dal controllo a un veicolo, poi una perquisizione porta allo scoperto il tesoro. Dubbi sulla provenienza. Scatta la denuncia per ricettazione

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 15:33
Guardia di Finanza

Arezzo, 12 settembre 2018 - I finanzieri della Compagnia di Arezzo, nell’ambito di un’operazione finalizzata alla prevenzione e repressione dei traffici illeciti, hanno eseguito un controllo del mezzo di trasporto di un aretino, rinvenendo e sequestrando un ingente quantitativo di oro puro in lamine di dubbia provenienza, per circa 2 Kg, nonché 5.000 euro di denaro contante e documentazione di natura extra-contabile.
Gli immediati approfondimenti presso l’abitazione dell'autista hanno portato al rinvenimento ed al sequestro di ulteriori 13.500 grammi di argento (tra grani, lamine e verghe), oltre a oreficeria usata. L'uomo è stato, quindi, denunciato per ricettazione e per violazione alla normativa sull’oro quanto il metallo sequestrato, per un valore di circa 100 mila euro, era privo dei prescritti marchi identificativi.

E’ questo il primo colpo all’illegalità del nuovo Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di Arezzo, capitano Federico VANNI, giunto in Toscana al termine di importanti incarichi in Sicilia. L’operazione di servizio si incardina tra quelli disposti a livello centrale dal Comando Generale, in attuazione del Dispositivo Permanente a contrasto dei traffici illeciti, che ha la finalità di individuare i capitali di origine illecita e contrastare ogni forma di condotta in grado di inquinare l’economia legale e di alterare le condizioni di concorrenza.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.