Cinghiali nel bosco
Cinghiali nel bosco

Arezzo, 20 ottobre 2018 - Singolare episodio ieri di prima mattina lungo i tornanti della Statale 73, costeggiata da boschi, nel tratto che congiunge Gargonza a Palazzuolo nel comune di Monte San Savino. Un sessantenne, G. F., residente a Civitella, è stato inseguito da in cinghiale quando era in sella alla sua bicicletta.

«Percorro spesso nei fine settimana questa zona - ci ha raccontato il ciclista - e so benissimo che qui ci sono cinghiali, c’è anche una riserva. Altre volte li ho visti attraversare velocemente la strada, da bosco a bosco, impauriti dalla presenza dell’uomo. Ora mi sono imbattuto in un cinghiale che mi ha fatto correre come non avevo mai fatto in bicicletta. Ho fatto, di gran carriera almeno trecento metri, in un tratto in salita con il cinghiale che mi sguiva da vicino. Quando ho visto che l’animale non desisteva, ho abbandonato la bici mi sono arrampicato su un albero a bordo strada. Sono rimasto avvinghiato sul tronco e con le mani attaccate ai rami per sostenermi, almeno cinque minuti, col fiatone, sudore e tanta paura".

"Per fortuna - ha proesguito - è passato un automobilista tedesco, in vacanza in zona. E’ sceso dall’auto, ha battuto le mani e urlato. Finalmente il cinghiale, che gironzolava attorno all’albero, si è allontanato nel bosco. Ho notato – prosegue che sul fianco aveva una ferita e questa potrebbe essere stata la causa della reazione anche perché solitamente alla vista dell’uomo i cinghiali sono propensi ad allontanarsi. Lo dico anche perché sono appassionato della natura e pure degli animali. Il signore tedesco mi ha fatto intendere che mi avrebbe accompagnato a casa con l’auto ma c’era il problema della bici e, così mi sono rimesso in sella ma cambia ndo completamente itinerario. Ho lasciato la Statale percorrendo, con apprensione e lentamente, la strada sterrata che congiunge Gargonza alla località Tinaia che immette nella strada che porta a Ciggiano ed Albergo, la mia zona, e a casa ho potuto raccontare la disavventura a lieto fine».