Quotidiano Nazionale logo
1 mag 2022

Guerrina, mistero lungo otto anni "Gratien ci dica dov’è il corpo"

Mai trovato il corpo della casalinga scomparsa nell’enclave aretina in Romagna il 1° maggio 2014. Il religioso, condannato per omicidio, tace mentre la famiglia chiede un milione di euro alla Diocesi

rita celli
Cronaca

di Rita Celli Otto anni fa spariva nel nulla Guerrina Piscaglia, la donna di Ca’ Raffaello, il paesino della Valmarecchia che è un enclave aretina in Romagna. Da allora, di tutta questa misteriosa vicenda rimane solo tanta tristezza. Dopo indagini e processi, ricorso ai medium, battute di ricerca, il corpo della donna non è mai stato trovato, ma a venire condannato a 25 anni di carcere, per omicidio e occultamento di cadavere, è stato Gratien Alabi, vice parroco del paese. A lui, che con altri quattro frati premostratensi gestiva la parrocchia, viene attribuita una relazione clandestina con Guerrina, testimoniata da oltre 4mila tra sms e chiamate, che i due si scambiarono fino a quel 1° maggio 2014. È da poco passata l’ora di pranzo, è un giorno di festa, Guerrina esce di casa dei suoceri per recarsi in canonica da padre Gratien. "Non vengo con voi alla festa, vado a casa a riposare" queste le ultime parole che la suocera sente pronunciare da Guerrina. La Piscaglia scrive invece l’ennesimo sms ad Alabi: hanno appuntamento in canonica. Deve percorrere pochi metri per giungere a destinazione e invece sparisce, come inghiottita dalla terra. Sarebbe proprio quella relazione clandestina, secondo i giudici, il movente della sua morte: avrebbe voluto rendere pubblico l’amore per Gratien, mentre il sacerdote non ne voleva sapere. Per impedirle di parlare, l’avrebbe uccisa. In un primo momento, la scomparsa della Piscaglia viene considerata volontaria: dal suo cellulare partono alcuni sms nei quali si parla di una fuga con un misterioso "amoroso marocchino". Paradossalmente, però, saranno proprio questi sms, e l’analisi delle celle telefoniche agganciate dal cellulare della donna e dal telefonino di Alabi, a incastrare l’assassino. Lo scenario è chiaro: il sacerdote ha avuto un ruolo da protagonista nella scomparsa, è stato lui stesso a mandare quei messaggi, in un tentativo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?