Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
6 mag 2022

Guardia medica trasfusionale in telemedicina: da noi l'esperienza pilota

Una scelta organizzativa vincente che migliora il servizio di cura ai cittadini e libera tempo e professionalità dei professionisti

6 mag 2022
featured image
Agostino Ognibene
featured image
Agostino Ognibene

Arezzo, 6 maggio 2022 - La Asl Toscana sud est è stata la prima in Italia ad attivare dal novembre 2021 il servizio di guardia medica trasfusionale in telemedicina.  Efficienza tecnologica e organizzazione del lavoro condivisa con i lavoratori hanno permesso di far partire questo servizio e di verificarne l’efficacia e l’efficienza in pochi mesi. “Da novembre 2021 in via del tutto sperimentale, afferma il Direttore Generale della Asl Tse Antonio D’Urso, abbiamo attivato un progetto di telemedicina che sfrutta una tecnologia all’avanguardia e che rafforza il turno di guardia dei medici che si occupano del settore trasfusionale. Abbiamo lavorato intensamente con tutte le organizzazioni professionali e sindacali dei medici per calibrare questo progetto, lo abbiamo testato nell’inverno ed i risultati sono molto positivi. Non solo abbiamo recuperato tempo medico per i pazienti e risorse per l’azienda, conclude il Direttore D’Urso, ma abbiamo migliorato anche i tempi di risposta e l’appropriatezza delle cure.” “Abbiamo attivato due centrali (Arezzo e Grosseto) che coordinano tutti i medici delle rispettive aree, al momento in maniera separata, dichiara Agostino Ognibene Direttore del Dipartimento Medicina di Laboratorio e Trasfusionale dell’azienda Asl TSE, e che possono effettuare il proprio turno di guardia in tre modalità: 1) da casa, sfruttando la telemedicina, 2) presso l’ospedale più vicino alla propria abitazione (sfruttando la rete dati interna) 3) nei centri trasfusionali di Arezzo e Grosseto. Questa organizzazione permette di avere sempre in visione gli strumenti di immunoematologia e la validazione delle cartelle e garantisce una presa in carico immediata delle richieste che arrivano ottimizzando al meglio le risorse mediche. In questo modo i medici che prima erano impegnati fisicamente nei propri turni di guardia vengono alleggeriti di questi impegni e possono dedicare più tempo alle terapie in presenza ed alle cure dei pazienti (come le terapie trasfusionali, le donazioni, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?