Campo estivo
Campo estivo

Arezzo, 18 maggio 2020 - “Ho invitato tutti i soggetti di volontariato, di terzo settore, di aggregazione sociale, laici e cattolici, disponibili a organizzare i Campi Estivi secondo le normative previste dal Dpcm, a partecipare a una video conferenza con l'ufficio scuola e politiche familiari del Comune di Arezzo. La riunione telematica è fissata per giovedì 21 maggio alle ore 10, è aperta anche alle associazioni delle famiglie e sarà il primo passo per stabilire tutti gli aspetti di merito. La logica è una: garantire la sicurezza ma dare il massimo delle opportunità.

Chi ha progetti ce li comunichi, Arezzo ha bisogno di ripartire e ripartirà nella sicurezza. Voglio ringraziare il dottor Marcello Caremani - infettivologo di chiara fama - e il dottor Giovanni Poggini - pediatra e riferimento di Unicef a livello nazionale - per aver supportato l'amministrazione nel redigere il piano sperimentale che oggi, anche grazie alle linee nazionali, sta prendendo corpo. Due professionisti che saranno un po' i nostri "tutor" in questa ripartenza che ha bisogno di vedere Arezzo forte, unita e sicura, confortata dall'aiuto scientifico di chi ha indubbie competenze”.

L'assessore Lucia Tanti annuncia un altro step importante per il Piano operativo della coesione sociale messo a punto dal Comune di Arezzo per fare fronte alle emergenze legate al covid 19. “L'amministrazione – spiega l'assessore Tanti – garantirà la disponibilità gratuita degli spazi interni ed esterni di tutti gli asili nido, delle scuole materne comunali e delle scuole statali, oltre alle cucine per la preparazione dei pasti. Per ogni singola struttura abbiamo ricalcolato gli spazi con i nuovi criteri di sicurezza legati al distanziamento sociale.

Non solo: il Comune attiverà un fondo di sostegno economico per le famiglie che aderiranno ai Campi Estivi, attraverso un abbattimento consistente dei costi fino alla copertura totale in caso di necessità da parte delle famiglie. Parte di questo fondo, pari a 52mila euro, sarà finanziato dalla Regione, mentre il Comune metterà a disposizione dei cittadini una somma circa tre volte superiore. I Campi Estivi, per indirizzo nazionale, non si potranno fare per i bambini e le bambine che non abbiano compiuto il terzo anno di età: in questo caso sarà previsto un fondo per dei voucher dedicati alle famiglie con difficoltà economiche e che hanno necessità di tornare a lavorare ma sono sole dinanzi al rientro. I voucher potranno anche andare a integrare il bonus baby sitter previsto dai Dpcm. La data individuata per l'apertura dei Campi Estivi, come da disposizioni governative, è quella del 15 giugno.

La volontà del Comune di Arezzo è di tenere attivi i Campi Estivi fino al 31 agosto. Se quindi con le attività educative per i più piccoli - da 3 a 12 anni - stiamo scaldando i motori, non è possibile farlo per le iniziative legate ai centri di aggregazione sociale. Per i Cas le porte restano ancora "sbarrate" – conclude l'assessore Tanti – in base alla lettera Z dell'articolo 1 del Dpcm che ne ha rimandato la riapertura a data da destinarsi. Il Comune non potrà che attenersi a queste indicazioni, che per altro personalmente condivido".