Arezzo, 18 aprile 2018 -  I carabinieri si sono presentati all'alba. Filtravano appena le prime luci quando hanno notificato a cinque infermiere e un infermiere della casa di riposo di Strada, nel comune di Castel San Niccolò le ordinanze di interdizione dall'attività sanitaria, con l'accusa di maltrattamenti nei confronti di molti degli anziani ospiti. E stavolta di dubbi sul fatto che umiliazioni, offese e botte ci siano stati davvero ce ne sono pochi: tutto è stato ripreso per due mesi dalla telecamera che gli stessi carabinieri della compagnia di Bibbiena avevano installato nella struttura.

Le immagini (le potete vedere nel video allegato al pezzo) sono crude, difficili persino da sopportare. Inchiodano alle loro responsabilità di protagonisti negativi nella casa di riposo degli orrori i sei interdetti (fra i 40 e i 60 anni) e un'altra infermiera (in realtà la denominazione esatta sarebbe quella di operatori socio-sanitari, gli infermieri professionali della struttura non risultato coinvolti) che è "solo" indagata. Non a caso per loro il Pm Marco Dioni, titolare dell'inchiesta,aveva chiesto gli arresti domiciliari e in subordine l'interdizione. Il Gip Giampiero Borraccia ha ritenuto di procedere con la misura cautelare più blanda, che evita almeno agli "infermieri kapò" di rimanere agli arresti in casa.

Le indagini nascono sei mesi fa, a ottobre 2017, da una soffiata interna alla struttura, un altro operatore che non ne poteva più dei metodi maneschi e anche offensivi dei colleghi. Quasi contemporaneamente arriva la segnalazione di alcuni parenti: il loro congiunto presenta dei lividi che non trovano spiegazioni. Passa tutto nelle mani dei carabinieri della compagnia di Bibbiena, comandata dal capitano Fabbian, e della stazione di Strada, coordinati dal Pm Dioni, che decide per l'installazione di una telecamere nascosta nei locali della casa di riposo. E lì nei due mesi successivi emergono le immagini dell'orrore.

Gli ospiti, quasi tutti non autosufficienti, vengono sottoposti a vere e proprie angherie da parte di coloro che dovrebbero assisterli: insulti quando devono cambiarli a più riprese, spintoni sul letto, ceffoni, parolacce a ogni piè sospinto, come si può notare nelle didascalie esplicative che i carabinieri hanno aggiunto, con tanto di puntini al posto delle offese più truci, al filmato, per chiarire meglio nei punti in cui l'audio da solo è difficilmente comprensibile. Uno degli schiaffi è così sonoro che il rumore filtra dal video, quasi fosse uno spaghetti-western.

Il tutto avveniva ovviamente all'insaputa dei parenti, ma un inquirente fa notare che nei mesi dell'indagine di parenti che venivano a trovare i loro cari nella casa di riposo se ne sono visti pochi. Gli anziani della casa di riposo, la stessa in cui a febbraio c'era stata una fuga di gas seguita dall'evacuazione di parte degli anziani, erano veramente abbandonati a se stessi, fra famiglie distratte e infermieri improvvisati che umiliavano e picchiavano. Una gran brutta storia.