Arezzo, 16 aprile 2018 - Si apre il sipario del Teatro Virginian sul nono spettacolo della stagione di prosa “Vi stavamo aspettando”, organizzata dall’Associazione culturale La Filostoccola. Dopo il tutto esaurito ottenuto a fine marzo con il live di Francesco Tricarico, mercoledì 18 aprile alle ore 21 i riflettori del teatro di via de’ Redi si accenderanno su “Dita di dama”, l’emozionante monologo diretto ed interpretato dall’attrice Laura Pozone che, già lo scorso anno, aveva fatto innamorare il pubblico aretino con la comicità del suo “Love is in the hair”.

“Accogliere nuovamente al Teatro Virginian un’amica e un’artista del calibro di Laura Pozone – spiega Daniele Marmi, docente e attore della compagnia aretina La Filostoccola, rientrato in suolo aretino dopo la fortunata tournée nazionale de “Il nome de la rosa”.- Dopo aver riso con lei nel corso della precedente stagione, “Dita di dama” ci catapulterà indietro nel tempo, tra le pieghe di una storia che, ancora oggi, sembra essere più attuale che mai. Un monologo davvero intenso che, non mancherà comunque di strappare agli spettatori qualche risata grazie alle capacità interpretative di un’attrice e narratrice di grande spessore”. Tratto dall’omonimo romanzo di Chiara Ingrao, “Dita di dama” (l’adattamento drammaturgico è firmato dalla stessa Pozone in coppia con Massimiliano Loizzi) narra la storia di due amiche cresciute insieme nella periferia romana. Nell’autunno caldo del ’69 Francesca sogna di fare la veterinaria e Maria di proseguire gli studi. Ma il loro destino lo decidono i padri: facoltà di Legge per la prima e un posto da operaia in una fabbrica di televisori per la seconda.

Sul proscenio di un’Italia che cambia, da Piazza Fontana alla legge sul divorzio, la vita di Maria, raccontata attraverso lo sguardo ora comico ora commovente dell’amica, cambia radicalmente trasformandola da bambina impacciata a una rappresentante sindacale che parla alle assemblee. Attraverso il sentimento e l’amicizia, e grazie alla magistrale interpretazione di Laura Pozone, gli anni delle lotte operaie si spogliano per una volta degli stereotipi violenti a cui sono spesso legati portando a galla, tra scioperi e fiumi di piombi, una storia d’amore degli anni ’70 che, fatta di ribellioni e risate, sembra parlare davvero voler parlare alla voglia di libertà e dignità delle ragazze di oggi. Anche per questo appuntamento, dalle 19 sarà possibile usufruire dell’AperiTeatro presso il locale Crepes de Lunes antistante al Virginian. Il costo del biglietto intero sarà di 10 euro; il ridotto (per gli under 25 e gli over 65) costerà 8 euro. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare i numeri 3343425268 (Alessandro) e 3343385046 (Daniele).