orientoccidente
orientoccidente

Arezzo, 16 settembre 2020 -  Il suo successo poi ha dimostrato che questo bisogno era sentito anche da tutti coloro che l’hanno seguita: in fondo non c’è stato da inventare niente di nuovo, solo molta pazienza da parte degli organizzatori e da parte del pubblico. Tutti eventi in sold-out, grandi performance esclusive e in anteprima, pubblico attento e consapevole, in molti casi con un'atmosfera magica.
San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini, Cavriglia, Loro Ciuffenna, Bucine sono stati i comuni che coraggiorsamente hanno sostenuto il festival, trovando ogni volta le soluzioni più opportune per salvaguardare la sicurezza sanitaria. Oltre venti appuntamenti che, nonostante le restrizioni, hanno visto alcune migliaia di partecipanti. Le performance dei Musici di Guccini, Luca Canonici, Stefano Massini, Arlo Bigazzi e Chiara Cappelli, Diesis Teatrango, Scorcelletti Geri e Cantini, Simone Baldini Tosi, Flame Parade, Hendel Goretti e Kaemmerle e, a San Giovanni Valdarno, la diffusa rassegna di film in pellicola “La nostra memoria inquieta”, hanno dimostrato come la cultura e lo spettacolo possono aiutare a rispondere ai momenti di difficoltà e alle contraddizioni di questa epoca, confermando loro grande capacità di aggregazione sociale.

"Siamo contenti” ha dichiarato Giampiero Bigazzi, coordinatore del progetto “abbiamo faticato più del solito, ma siamo riusciti a rispettare le regole, abbiamo proposto ovunque eccellenze e accolto ogni sera un pubblico numeroso ed entusiasta. Abbiamo, anche questa volta, ‘salvato il seme’, come ci eravamo ripromessi, in un momento veramente difficile. Non abbiamo fatto cose strane... non ce n'è stato bisogno: abbiamo ‘solo' organizzato e proposto concerti e spettacoli teatrali, con gente vera. Ringrazio tutto coloro che ci hanno aiutato nell’impresa e quindi tutte le splendide persone che sono (pazientemente) e in grande quantà venute ai nostri eventi. E che a loro volta ci hanno ringraziato per esser stati vivi”.

Orientoccidente 2020 è stato organizzato con i Comuni di San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini, Cavriglia, Loro Ciuffenna, Bucine e sostenuto da Regione Toscana con il patrocinio di Provincia di Arezzo e Città Metropolitana di Firenze. E’ sostenuto da Unicoop Firenze, Banca del Valdarno, Publiacqua, BetaDue, Brahms Strumenti Musicali. E’ progettato e organizzato da Materiali Sonori. Tutte le iniziative sono state a ingresso gratuito.

Arrivederci ai prossimi appuntamenti della Materiali Sonori e alla prossima edizione di Orientoccidente, augurandoci tempi migliori per tutto il settore della cultura. E per l’Italia.