Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Musica alla Clandestina tra ritmi latini e swing

La rassegna curata da Davide Bartolucci prevede anche live painting e la mostra di Federico Basagni. Il 6 settembre Marcinho Pereira Brazilian jazz trio e il 13 settembre i Talking Ties

Ultimo aggiornamento il 5 settembre 2018 alle 23:00
Jazz alla Clandestina

Arezzo 5 settembre 2018 - E’ la musica che non ti aspetti per una serata diversa. Intanto per il luogo, la terrazza della Clandestina in Corso Italia 102 che dopo la pausa di agosto riprende il cartellone jazz ideato e organizzato da Davide Bartolucci. Poi per la proposta musicale. La rassegna riparte giovedì 6 settembre alle 21,30 con il Marcinho Pereira Brazilian Jazz Trio, gruppo che propone un viaggio attraverso l’universo dei ritmi latini, usando brani conosciuti della musica brasiliana o standard Jazz riarrangiati. Un trio composto da Marcinho Pereira alla batteria, Liquino M’Biraa al basso e Jacopo Perra alle tastiere.

Giovedì 13 settembre sempre alle 21,30 in pedana i Talking Ties, tre giovani musicisti con la passione per la cultura afro-americana che proporranno uno spettacolo basato sulle capacità vocali e polistrumentistiche dei musicisti con i successi della swing era e di altre diramazioni della black music: blues, ragtime, Gospel e boogie-woogie. I musicisti sono Federico Calabretta al pianoforte, Bernardo Sacconi al contrabbasso e Giovanni Gargini alla batteria. E durante la serata torna il live music & live painting di Federico Basagni  e Pasha Mykhaylin, due artisti aretini, diplomati all’Accademia di Belle Arti di Bologna, felici di raccontare la passione per la pittura, con esibizioni a ritmo di jazz. E prosegue anche la mostra “Corpi cromatici” di Federico Basagni  fino all’ultima data della rassegna.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.