libera accademia

ARezzo, 11 settembre 2018 - Dai bambini agli adulti, tutti possono diventare attori e vivere le emozioni del palcoscenico. Questa consapevolezza anima la Libera Accademia del Teatro nel rinnovare il proprio impegno nella formazione teatrale e nell’organizzare il ventitreesimo anno di corsi che prenderà ufficialmente il via con le lezioni a porte aperte in programma da lunedì 24 a sabato 29 settembre nei locali in piazza della Santissima Annunziata. Questa settimana rappresenterà un’occasione per tutti gli aretini per incontrare i docenti, per conoscere le attività della scuola e per avere un primo approccio con la recitazione attraverso giochi ed esercizi sulla mimica, sulla postura, sulla voce e sull’espressività. I veri e propri corsi ripartiranno invece da lunedì 1 ottobre e si svilupperanno su un percorso di nove mesi che vedrà ogni allievo mettersi in gioco nella preparazione di un saggio che verrà poi messo in scena il prossimo giugno al teatro Pietro Aretino e in altri teatri della provincia. Un piccolo assaggio dell’esperienza proposta dalla Libera Accademia del Teatro sarà anche venerdì 14 settembre in occasione dell’evento “Artisti in strada per Saione”, promosso dal Lions Club Arezzo Chimera lungo via Vittorio Veneto: la scuola salirà sul palco con i giovani attori delle medie del corso di teatro in musica che, alle 18.45 e alle 21.30, proporranno un connubio tra recitazione, canto e ballo tratto dal loro ultimo spettacolo “Sisters”.

Entrando nello specifico dei corsi, la programmazione partirà già con i bambini delle scuole dell’infanzia con i percorsi laboratoriali di “Creabilandia” dedicati ai diversi aspetti dell’esperienza sensoriale, espressiva e creativa, mentre i bambini delle scuole elementari vivranno le lezioni di “Animazione teatrale” per sviluppare l'utilizzo del corpo e della voce. Per ragazzi e adulti sono previsti corsi diversificati a seconda dell’età e dell’esperienza dove gli esercizi teatrali si affiancheranno alla scrittura originale di nuovi testi o alla rielaborazione delle opere dei grandi autori con un coinvolgimento diretto nella preparazione dello spettacolo finale. Al fianco del tradizionale teatro, inoltre, la scuola sta trovando sempre più partecipazione anche nel “Teatro in musica” con un percorso multidisciplinare dove la recitazione si unisce a canto e danza. A tenere le lezioni sarà un collaudato gruppo di docenti che per il 2018-2019 è stato interamente confermato e che continuerà a fare affidamento sull’esperienza di Francesca Barbagli, Andrea Biagiotti, Samuele Boncompagni, Leonardo Bruschi, Amina Kovacevich, Uberto Kovacevich e Ilaria Violin, con la collaborazione di Alessandra Cartocci, Stefano Graverini e Stefania Pace. «Per il ventitreesimo anno consecutivo siamo pronti a ripartire - commenta la presidente Amina Kovacevich, - con una proposta che spazia dai laboratori per i bambini alle elaborazioni più articolate dei nostri attori esperti, e con la motivazione di far vivere un’esperienza teatrale di qualità a coloro che, ad ogni età, vorranno provare le emozioni del palcoscenico».