Gianrico Carofiglio
Gianrico Carofiglio

Arezzo 14 marzo 2019 - Lo hanno creato solo un anno fa a Terranuova ed è nato già grande. Il Moby Dick Festival è una di quelle iniziative che quando ci partecipi ti chiedi perché non lo abbiano pensato prima ma anche come è possibile che il meglio del “pensiero” italiano accetti di venire qui, nel cuore del Valdarno, lontano dal pubblico delle metropoli. Tutto questo è stato creato da due imprenditori, Elisa Erica Sommaruga e Paolo Martini, che hanno voluto portare “a casa” il meglio di quello che nella loro vita andavano a cercare fuori tra festival di filosofia, letteratura, storia. Hanno scelto gli autori che più ammiravano, hanno scelto un tema, li hanno invitati e tutti hanno risposto sì. E così dal 3 al 7 aprile a Terranuova torna il “Moby Dick” Festival.

“Il tema di questa edizione - spiegano gli organizzatori - sarà il potere delle parole, perché il racconto e la parola fanno la storia di ciascuno. Nella sincera convinzione che il viaggio arricchisca tutti, chi viaggia e chi accoglie. Sempre più convinti che ci sia così tanta bellezza nel mondo da spingerci a cercarla ovunque. Le mille storie che ci porterà saranno per noi un bellissimo resoconto di un nomade globale che tanto ha visto e molto ha da raccontarci”. Prima ospite la scrittrice Nadia Terranova per un’anteprima il 29 marzo abbinata a una cena. Autrice del libro “Bruno: il bambino che imparò a volare” ispirato alla vita dello scrittore Bruno Schulz, coautrice del programma radiofonico “Pascal” condotto da Matteo Caccia su Radio2, presenterà il suo libro “Addio fantasmi”. Il 3 aprile arriva il telecronista sportivo e scrittore Federico Buffa che ha appena scritto “Nuove storie mondiali. Un secolo di calcio in 13 avventure”. Il Medioevo e la falsa leggenda dello ius prime noctis avrà la voce dello storico Alessandro Barbero, volto noto di Rai Storia e Premio Strega.

Il 5 aprile ci saranno il giornalista, corrispondente estero e saggista Federico Rampini, Nando Dalla Chiesa, scrittore, sociologo, politico e accademico, figlio del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, e Laura Morante. Sabato 6 aprile incontri con il filosofo e accademico Massimo Cacciari su come reimparare a parlare bene per esprimere pensieri e emozioni, con lo scrittore, poeta e saggista marocchino Tahar Ben Jelloun noto per i suoi scritti sull'immigrazione e il razzismo che presenterà il libro “La punizione”, con Stefano Massini, scrittore, drammaturgo e saggista italiano, consulente artistico del Piccolo Teatro di Milano, collaboratore a Piazzapulita su La7, con Enrico Letta, politico e docente universitario, ex presidente del Consiglio dei Ministri, attualmente direttore della Scuola di affari internazionali dell'Istituto di studi politici di Parigi e che ha appena pubblicato il libro “Ho imparato”.

E il 7 aprile Federica Angeli, la giornalista conosciuta per le sue inchieste sulla mafia romana che vive sotto scorta dal 2013, che racconterà questa vita “blindata” nel suo libro “A mano disarmata”, e Gianrico Carofiglio, scrittore, politico ed ex magistrato, premio Bancarella 2005, l’inventore del filone del thriller legale italiano, che presenterà il suo ultimo libro “La versione di Fenoglio”.

“Terranuova sarà per cinque giorni porto di attracco di numerose baleniere guidate dai nostri ospiti - si augurano Elisa Erica Sommaruga e Paolo Martini - il cui compito sarà di prenderci per mano e farci sfidare le onde con più forza nel cuore. Che il mare ci sia amico.”