Forte dei Marmi (Lucca), 11 giugno 2017 - Imponendosi sul Lodi con un 6-1 (primo tempo 2-0) che non ammette repliche il B&B Service Forte dei Marmi riporta in parità la serie delle sfide scudetto. Martedì gara tre ancora al Palaforte. La squadra di Bresciani fa leva su una difesa perfetta (unica rete dei lombardi su tiro piazzato sul 4-0) per far sua una partita alla vigilia sicuramente delicata.

PalaForte pressoché esaurito con 120 tifosi giunti da Lodi e gran tifo da entrambe le parti. Inizia fortissimo la squadra di Bresciani che al 1’ è già in vantaggio. Un tiro di Orlandi viene parato, riprende Pagnini che serve di nuovo Orlandi che batte Català. Al 2’ deviazione in area di Ambrosio (schierato a sorpresa nonostante i problemi al ginocchio) che Gnata neutralizza. Al 3’ i campioni d’Italia raddoppiano con Torner che finalizza uno splendido passaggio di Orlandi da dietro porta. I rossoblu gestiscono il vantaggio con una difesa attenta e insidiosi tiri da fuori. A 16’ e 17’ Gnata para le conclusioni di Ambrosio e Cocco. Al 19’ viene espulso Platero con Català che para il tiro diretto di Pagnini. In superiorità numerica c’è un rigore per i padroni di casa che il portiere ospite para e la superiorità sfuma. Dopo la traversa di Torner al 23’ a pochi secondi dalla fine viene espulso De Oro ma Gnata neutralizza su Ambrosio. Forte al riposo in doppio vantaggio e inferiorità numerica.

La ripresa vede il Lodi cercare vanamente di sfruttare la superiorità numerica. Il gioco aggressivo di Illuzzi e compagni non frutta reti e, con il passare dei minuti si affievolisce. All’8’ Gnata para a Verona un rigore e un minuto dopo arriva l’uno-due che mette praticamente fine alla partita. All’8’ Pagnini mette dentro in area un perfetto suggerimento di Romero. Passano 25” e un incontenibile Orlandi parte dalla propria metà pista e supera Català con un preciso rasoterra. All’11’ c’è un palo di De Oro e subito dopo arriva il decimo fallo versiliese con Cocco che trasforma il tiro diretto. Le residue velleità dei giallorossi sono spezzate dal tiro diretto del 5-1 trasformato da Orlandi all’11’. La partita, a parte la bella rete di De Oro in area a 30”, dallo scadere finisce qui. Martedì si torna in pista.

Giulio Arnolieri