Viareggio (Lucca), 3 gennaio 2018 - Il caso di meningite dell’ospedale Versilia, che ha visto la morte della quarantaseienne Sonia Matteucci di Capezzano Pianore, ha visto vittima una donna che è arrivata alla struttura sanitaria «in condizioni disperate» a causa di «un batterio di una virulenza assoluta». Lo ha affermato Stefania Saccardi, assessore alla salute della Regione Toscana, a margine dell’inaugurazione della seconda sala di Emodinamica all’ospedale di Santa Maria Annunziata a Firenze. «Tutte le volte che non si verificano casi per un pò di tempo - ha aggiunto - sembra quasi che le malattie non esistono più: paradossalmente le vaccinazioni sono quasi sempre preda e vittima e del loro del loro successo, cioè ogni volta che per un pò di tempo non segniamo un caso di meningite si pensa che il tema sia risolto, e invece purtroppo così non è, come il primo caso del 2018 ci ha dimostrato proprio in Versilia». 

L’assessore Saccardi in conclusione ne ha approfittato per parlare alla cittadinanza non solo viareggina e versiliese ma toscana. «Rinnoviamo l’appello a vaccinarsi», ha detto l’assessore regionale ricordando che la campagna di vaccinazione straordinaria avviata dalla Regione è stata prorogata fino al 31 dicembre 2018.