Viareggio, 11 luglio 2017 - Setacciata da 100 agenti la pineta di Ponente a Viareggio. I controlli, scattati ieri sera e finalizzati in particolare al contrasto dello spaccio di droga, gestito per lo più da immigrati irregolari, sono stati pianificati su direttive del capo della polizia Franco Gabrielli e hanno visto impegnati personale del commissariato di Viareggio, della questura di Lucca, pattuglie del reparto prevenzione crimine, del reparto Mobile e unità cinofile.

Attraverso un'attività di cinturazione del perimetro della vasta area della pineta, gli agenti, in abiti civili, hanno effettuato un'incursione per cercare di sorprendere gli eventuali spacciatori presenti all'interno, eludendo possibili fughe.

Nel corso delle operazioni sono stati fermati numerosi extracomunitari per verificare la regolarità riguardo ai permessi di soggiorno. Arrestato poi un minorenne nordafricano perchè trovato in possesso di 20 grammi di stupefacente suddiviso in dosi: il ragazzo ha anche tentato di scappare in bicicletta ma è stato bloccato. Recuperati poi grazie ai cani altri 40 grammi di droga, suddivisi in dosi, nascosti sottoterra. Al termine del servizio, dieci cittadini extracomunitari, di origine nordafricane e tutti irregolari sul territorio nazionale, sono stati accompagnati al Centro di permanenza per i rimpatri di Torino per il successivo rimpatrio coatto.

L'operazione di ieri, spiega una nota del commissariato di Viareggio, «rientra in un più ampio programma di azione della polizia sul territorio viareggino, che si articolerà in successive fasi per la durata della stagione estiva».