Viareggio, 9 febbraio 2018 - Hanno voglia di scherzare. «La novità del CarnevaleDarsena è nel menù: sostituiremo il polpo coi tordelli». Abbocchiamo come lucci: «I tordelli?». E giù risate. Forse il segreto è tutto qui, il comitato di via Coppino si diverte. Ancora. Nonostante tutto. Nonostante sia all’opera per organizzare una festa che poggia su un bilancio da migliaia di euro, che impone serve norme di sicurezza, lo spirito è quello che aleggiava intorno a quella spadellata tra amici al Circolo ricreativo operaio.

Nel 1971. Tutto questo è emozionante, confortante. Anche prendersi gioco della stampa, che per le cinque sere del Baccanale avrà a disposizione una «tribuna stramba» dove commentare il rione e i suoi personaggi. Eccolo il potere del rione Darsena: capolvolgerci nell’irreale.

Stasera comincia il #CarnevalDarsena, ci sarà il polpo, la musica dal vivo, e il cancelletto: mezzo 2.0 che apre la festa al mondo. A fianco delle cucine sul nuovo maxischermo ruoteranno infatti vecchie immagini e scatti contemporanei del Baccanale caricati su Instagram con l’hastag #carnevaldarsena e riproposti dal team di Bogus Lab.

Il fruscio dei festoni che penzolano in via Coppino sfregati dal vento è il sottofondo della quiete che anticipa la tempesta, quel tornado di vita sguaiata e spensierata che fino a martedì notte darà al «secondo Carnevale d’Italia, dopo quello di Viareggio» come l’ha immortalato il presidentissimo Elio Tofanelli.

Il via alle 19 con l’apertura delle Trabaccolar Cooking, poi l’alzabandiera della Repubblica darsenotta e tutti a tavola per «La cena delle mascherate», nata nel 2014 insieme al comitato giovani del direttivo che oggi ha preso il testimone e corre insieme al nucleo storico: «Questo – dice il presidente Massimiliano Pagni – è il segreto, poter contare sulle idee e sull’entusiasmo dei ragazzi per rimanere al passo coi tempi e dare un futuro a questo patrimonio popolare».

Se «La cena della mascherate» con 450 partecipanti, 25 gruppi mascherati è una lieta conferma, tra le novità di questa sera «La cena degli equipaggi» che fonde il Baccanale con il mondo della marinera. Grazie al supporto di Yare, Navigo e Versilia Supply Service comandanti ed equipaggi - rigorosamente in costume – si siederanno ai tavoli del Baccanale.

Mentre domenica debutterà «Darsena libera tutti», evento dedicato al popolo dei figuranti dei carri che dopo il corso – scoppiato il cannone – potrà rompere gli schemi delle coreografie e «buttarsi scordinatamente in Darsena per una festa senza precedenti» aggiunge il vicepresidente Alessandro Summonti.

Massimo sforzo del direttivo per garantire la sicurezza, gestita grazie ad un servizio di vigilanza privato e con accessi monitorati al circuito. E anche per invitare ad un divertimento consapevole. Sarà infatti presente per tutte lo stand «Sabato notte di qualità», inziativa della Regione con Anci sposata dall’amministrazione. «Perché il divertimento – conclude la referente Alessia Gallerini – è uno stato dell’anima».