Viareggio, 30 gennaio 2018 -  Sciopero di due ore, dalle 9.30 alle 11.30, domani 31 gennaio al cantiere Benetti di Viareggio (Lucca) per protestare contro «lo stillicidio dei trasferimenti, preludio allo spin off societario di Azimut da Benetti e dello spostamento anche della sede legale», spiegano in una nota Rsu Azimut Benetti Viareggio e Fiom e Uil di Lucca. Organizzato anche un presidio davanti alla sede viareggina.

«Dopo l'intesa di dicembre 2017 sul trasferimento del solo ufficio marketing da Viareggio a Livorno, l'azienda - spiegano i sindacati - è tornata alla carica: ora tocca all'amministrazione, un ufficio che ha sei dipendenti donne. Lo spostamento delle funzioni vitali dell'azienda rappresenta nei fatti l'indebolimento della struttura viareggina e allontana il rapporto della catena dei fornitori dalla città, oltre ad essere l'evidenza del ridimensionamento di Benetti a Viareggio. Devono essere chiarite le prospettive industriali in termini produttivi e di sviluppo, bisogna garantire per Viareggio l'autonomia funzionale di Benetti» rinunciando «ai trasferimenti annunciati. Serve un accordo di garanzia dove le istituzioni facciano la propria parte ponendo l'azienda di fronte alle proprie responsabilità sociali».