Torre del Lago (Lucca), 13 agosto 2017 - Una sera d’estate, un po’ di brezza di mare, due chiacchiere sul muretto della Marina di Torre del Lago. Poi tutto si interrompe di schianto, e la piacevole serata di vacanza sfuma. Quella di un turista torinese infatti si è conclusa al pronto soccorso dell’ospedale Versilia per il morso al polpaccio di un cane. Un dogo, libero. Tutto accade intorno all’1.30 di venerdì notte. I volontari delle guardie ecozoofile Eza erano impegnati nel pattugliamento della spiaggia – «un servizio per scoraggiare eventuali vandalismi o danneggiamenti ai bagni», spiega Antonio Tana –; quando in prossimità dello stabilimento balneare Perla hanno visto un fuggi fuggi. Si sono scapicollati, saltando la recinzione.

E hanno raggiunto il gruppo di vacanzieri, già accerchiati da cinque cani sciolti. Ma con le medagliette agganciate al collare, segno inequivocabile che avevano dei padroni. Evidentemente distratti. «Quando siamo arrivati – racconta Tana – abbiamo visto che un dogo argentino aveva azzannato un uomo del gruppo, siamo riusciti a far allontanare l’animale appena in tempo. Prima che potesse attaccarlo di nuovo. Poi ci siamo barricati tutti dentro il bagno Perla, abbiamo chiuso le cancellate e abbiamo atteso i soccorsi». Sul posto la Misericordia di Torre del Lago e una pattuglia della municipale. «Il giovane turista – racconta Tana – in un primo momento voleva farsi medicare sul posto, visto che le ferite apparentemente non apparivano così profonde. Poi però ha iniziato a lamentarsi, così è stato accompagnato all’ospedale».