Notizie Viareggio
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
TRIBUNALE

Lite fra tre sorelle per l'eredità
Condannata nota farmacista

Eliana Lari è stata condannata a sei mesi di reclusione, 300 euro di multa e una provvisionale nei confronti delle sorelle di 200mila euro. La donna, che aveva gestito per anni la farmacia di famiglia, era stata denunciata dalle sorelle per il mancato riconoscimento nei loro confronti di una parte del ricavato dalla vendita dell'attività

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Viareggio, 19 febbraio 2009 - Per anni ha gestito la farmacia 'Lari' di Torre del Lago, ma ancora prima del giorno in cui aveva deciso la vendita, erano cominciati i guai di Eliana Lari, accusata dalle sorelle Annamaria e Sandra di appropriazione indebita e di mancata esecuzione di un provvedimento adottato al termine di un lodo arbitrale.

 

Al termine del primo round di questa dinasty torrelaghese - un contenzioso comunque lungo, sul quale è apparsa anche la figura di Andrea Bocelli - Eliana Lari è stata condannata dal giudice monocratico Gerardo Boragine a sei mesi di reclusione, trecento euro di multa e una provvisionale nei confronti delle sorelle (che si erano costituite parte civile) di 200mila euro.

 

Anche nell’ultima udienza, quella della sentenza, il nome di Bocelli è nuovamente emerso in due occasioni: nella prima, per la lettera inviata al giudice - il tenore avrebbe dovuto comparire come teste - nel quale annunciava l’impossibilità di essere presente 'per gravi motivi familiari'; la seconda, sulla base della documentazione prodotta agli atti dagli avvocati della parte civile Alessandro Francini e Pietro Cupido, nella quale emergerebbe che il pagamento effettuato a Eliana Lari sarebbe stato effettuato da una società inglese riconducibile ad Andrea Bocelli e al fratello Alberto. Ma su questo aspetto, lo aveva rivelato Rodolfo Valenti, nuovo proprietario della farmacia al momento della deposizione, c’è un’inchiesta della Guardia di Finanza.

 

La denuncia presentata da Anna Maria e Sandra Lari contro la sorella Ileana era nata dal mancato riconoscimento nei loro confronti di una parte del ricavato dalla vendita della farmacia e anche gli utili dell’attività. La vicenda viene da lontano: al momento della morte del padre fu Eliana Lari (laureata in farmacia) a rilevare l’azienda con l’accordo - stando alla tesi dell’accusa - che una parte dei proventi dell’attività doveva essere divisa con le due sorelle.

 

Questa intesa non era stata mai raggiunta, neppure dopo il lodo arbitrale che prevedere il pagamento il pagamento di un miliardo e mezzo delle vecchie lire alla sorella Sandra e di cinquecento milioni ad Anna Maria. Eliana Lari aveva impugnato la sentenza ma prima ancora del verdetto definitivo aveva ceduto la farmacia a Rodolfo Valenti. Poi l’esposto, l’inchiesta della Procura e ieri la sentenza.










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

LA FOTO DEL GIORNO

La Ricciarelli è 'Gloriosa'
al teatro Politeama

Debutto nella prosa per Katia Ricciarelli (nella foto), che interpreta la soprano Florence Foster Jenkins nella commedia 'Gloriosa', in scena al teatro Politeama di Viareggio lunedì 2 marzo alle 21,15. La regia è di Enrico Maria Lamanna. Sul palco, insieme alla celebre soprano, Fioretta Mari, Gianni Garko, Filippo Sandon, Rita Mendes e Barbara Bengala nei panni di personaggi stravaganti e ricchi di carica comica