Perugia, 8 settembre 2017 - Prove tecniche di continuità. Dopo gli exploit di inizio stagione, il Perugia cerca il terzo indizio sul campo del Cittadella.  Prove di continuità di risultato e anche di formazione? Federico Giunti, nel posticipo di lunedì, rispetto alla partita interna con il Pescara, potrà contare su Cerri, Frick e Brighi, mentre dovrà rinunciare, con molta probabilità a Falco, ai box per un affaticamento muscolare.

BUONE NOTIZIE arrivano, invece da Giovanni Terrani: il trequartista si è fermato alla ripresa degli allenamenti, ieri è salito in campo per una seduta differenziata, ma ci sono buone possibilità che il problema si risolva in vista della partita di lunedì. Nessun dubbio, invece, per quanto riguarda Han (nella foto): l’attaccante dopo una ripresa differenziata, ieri si è allenato con la squadra e sarà quindi a disposizione per il match.

LE SCELTE. Già, sarà interessante vedere a chi si affiderà Giunti nel match contro il Cittadella in difesa, a centrocampo e in attacco, dove si apriranno ballottaggi. Premesso che il mese di impegni intensi e ravvicinati consentirà a tutta la rosa di avere un ruolo da protagonista, lunedì ci sono scelte, difficili, da compiere. Zanon o Del Prete? Sarebbe sbagliato mettere in panchina il primo, protagonista di due prestazioni di grande affidabilità e sostanza. Al tempo stesso Del Prete è un terzino che, nel pieno della condizione, è tra i migliori in circolazione. I minuti disputati con il Pescara alimentano però qualche dubbio: il capitano non sembra ancora al meglio della forma. Zanon quindi sarebbe ancora favorito per la trasferta a Cittadella.

CAPITOLO centrocampo. Brighi rientra dalla squalifica, Bianco lo ha degnamente sostituito. Il centrocampo di Giunti contempla, in linea di massima, un reparto centrale che abbia qualità, quantità, esperienza e inserimento. Colombatto al centro, Bandinelli (più di Emmanuello sul centro-sinistra) e uno tra Brighi e Bianco a completare il reparto. Brighi a metà settimana appare in lieve vantaggio sull’ex del Carpi.

CERRI O DI CARMINE? Il primo protagonista di Coppa e alla prima giornata, l’altro autore di una doppietta col Pescara. Un bel dilemma. Viste le due prestazioni esterne di Cerri, il tecnico potrebbe optare per l’attaccante della Juventus in coppia con Han. Tre sedute non sono poche per farsi un’idea ed avere il quadro completo.