Terni, 30 gennaio 2018 - Il sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, Pd, si è dimesso dal suo incarico. Lo ha annunciato lui stesso ai giornalisti in una conferenza stampa.

"Ho ricevuto oggi - ha detto Di Girolamo - la notifica del dispositivo della decisione delle sezioni riunite della Corte dei conti che rigetta il ricorso del Comune di Terni". Questo era relativo alla decisione dei giudici contabili dell'Umbria di respingere il Piano di riequilibrio finanziario del Comune. Il sindaco ha spiegato di avere inviato al presidente del Consiglio comunale "la lettera con la quale comunico, coerentemente con quanto sempre detto, le mie dimissioni secondo quanto previsto dall'articolo 53 del Testo unico".

Le dimissioni del sindaco diventeranno irrevocabili tra 20 giorni. Sul perché abbia deciso di formalizzare oggi l'atto, Di Girolamo ha spiegato che "il motivo fondamentale è che la pubblica amministrazione si muove per atti".

"Della decisione della Corte - ha aggiunto - avevamo avuto notizia verbale attraverso le comunicazione che ci avevano dato gli avvocati ai quali avevamo dato incarico di proporre il ricorso. Senza che fosse pervenuto materialmente alcun atto formalizzato. Invece oggi questo oggi è avvenuto e quindi in maniera coerente e concorde con quello che è il meccanismo con cui si esercitano queste funzioni - ha concluso il sindaco - ho formalizzato le dimissioni, così come mi ero impegnato a fare".