Perugia, 11 febbraio 2018 - L'improvvisa morte dell'imprenditore perugino Massimo Calzoni ha suscitato «un profondo dolore» tra gli imprenditori umbri. Massimo Calzoni, presidente della Calzoni spa, importante azienda del settore delle costruzioni, aveva dedicato gran parte della vita, non solo alla sua impresa, ma anche al mondo associativo. Calzoni, 67 anni, a partire dal 2008, è stato a lungo presidente di Ance Perugia e, successivamente, di Ance Umbria, nonché vicepresidente di Confindustria Perugia. Il presidente di Confindustria Umbria Antonio Alunni ricorda in particolare le sue grandi doti professionali «che - sottolinea in una nota congiunta di Confindustria Umbria, Ance Umbria e Ance Perugia - gli erano unanimemente riconosciute. Massimo Calzoni ha dedicato un impegno assiduo e proficuo all'Associazione, soprattutto per le questioni legate alle infrastrutture ed al governo del territorio. Il suo contributo mancherà molto alla nostra Associazione». Stefano Pallotta, presidente di Ance Umbria, l'Associazione regionale dei costruttori edili, piange l'amico e il collega, suo predecessore alla guida di Ance Umbria. «Massimo è stato - ricorda Pallotta - uno straordinario imprenditore dedito al lavoro e alla vita associativa. Profondo conoscitore del settore e da sempre innamorato della sua città e della sua terra».

L'attaccamento all'Associazione e le grandi doti umane sono evidenziate anche da Giancarlo Brugnoni, presidente di Ance Perugia che ne sottolinea le grandi competenze professionali che «lo hanno reso uno dei più importanti esponenti dell'Ance anche a livello nazionale».