Perugia, 18 giugno 2017 - "La domenica, un giorno da salvare. O perderemo la nostra identità". Lo afferma il cardinal Bassetti, presidente della Cei e arcivescovo di Perugia, nell'omelia del Corpus Domini durante la celebrazione eucaristica nella cattedrale di San Lorenzo. Bassetti si è soffermato sul senso della domenica, un giorno sempre più svuotato di contenuti religiosi e di fede. 

«Miei cari fratelli - ha detto il cardinale - sento il bisogno di dirvi che nell'Eucaristia è il Signore che vuol far festa con noi e noi, purtroppo, ci siamo dimenticati del giorno di festa. Abbiamo perso il senso della domenica, che è diventata tutto, fuorché il giorno del Signore. E noi cristiani, lo dico con forza, dobbiamo riappropriarci, riconquistare il giorno di festa».

«Salviamo la domenica. Che il lavoro festivo - ha proseguito - non diventi la regola e che non si moltiplichino soltanto le nuove cattedrali del consumo, come sta avvenendo anche intorno alla nostra città. Difendere la domenica, il riposo festivo, la possibilità per tutti di partecipare alla celebrazione dell'Eucaristia non significa soltanto difendere i diritti di Dio, ma anche affermare l'esigenza di un vita a misura dell'uomo».

Bassetti si sofferma sulla Messa, momento importante sempre più trascurato. «Oggi, purtroppo - dice il cardinal Bassetti - da parte di molti cristiani c'è la tendenza a ridurre la propria identità di fede ad un fatto privato, ad un rapporto soltanto personale con Dio e con la Chiesa. Così facendo noi perdiamo la nostra stessa identità. Abbiamo bisogno di camminare insieme, soprattutto di spezzare insieme il pane dell'Eucaristia. Senza questo non potremo mai essere 'vera Chiesa in uscità e raggiungere tutte quelle 'periferie esistenzialì verso cui ci sprona continuamente il nostro papa Francesco".