Siena, 10 febbraio 2018 - Le scene rocambolesche di ‘Mission impossible’? Roba da ragazzi al confronto. Perché farsi inseguire per 140 chilometri dalla Polizia stradale – e poi anche dai carabinieri una volta arrivato in provincia di Siena – non accade tutti i giorni. Come speronare la macchina degli agenti più volte, arrivando al punto di far scoppiare l’air-bag prima di essere arrestato: ecco l’impresa riuscita a un pugliese di 37 anni nel gennaio 2014. Che gli è costata ieri, difeso dall’avvocato Alessandro Betti, la condanna a 2 anni, un mese e 10 giorni con il rito abbreviato davanti al giudice Innocenti.

LEGGI IL SERVIZIO NEL GIORNALE IN EDICOLA