Siena, 21 aprile 2017 - TO CANTERBURY, to Rome, in alto la freccia che va verso l’Inghilterra, in basso quella verso la capitale, al centro Siena: già le mappe, nuove di zecca, della quarta edizione, svelano tutte le novità, di #Sienafrancigena 2017; alla volontà di aprire le porte a chi decide di mettersi in viaggio sulla scia degli antichi pellegrini, si è unito il desiderio, come ha spiegato l’assessora al turismo Sonia Pallai, «di regalare ai partecipanti la totale percezione del centro storico, ma anche del territorio circostante, con l’inserimento di due itinerari extramoenia». Non solo. «Invece dell’abituale pranzo al sacco – ha detto Pallai -, il ristoro sarà nel nuovo bar del Santa Maria della Scala, e sarà a base di prodotti tipici, dai salumi ai ricciarelli, con birra artigianale con marchio proprio del Santa Maria, per valorizzare le nostre eccellenze».

SIENA, al centro, lo è anche sui social: grazie alla scelta azzeccata di usare l’hashtag (#) già dalla prima edizione, e all’attenzione rivolta ai media, soprattutto ai nuovi, si è guadagnata il primo posto, a livello europeo, nella comunicazione legata alla via. «Un’iniziativa splendida – ha commentato Massimo Tedeschi, presidente dell’Associazione europea via Francigena -, per far conoscere il percorso a chi ci abita. E sia a chi può farlo a piedi, e a chi no: i nostri soci avranno uno sconto del 10 per cento, piccolo, ma significativo, per il treno». «E’ soprattutto in Toscana che si concentrano i pellegrinaggi: 40mila camminatori, che almeno per una notte dormono fuori, sono numeri che parlano da soli», ha aggiunto il direttore Luca Bruschi. Grande soddisfazione anche per il sindaco Valentini. «Siamo qua a valorizzare un progetto di valenza turistica, ma anche socioculturale. Certi dati ci spingono a migliorare l’offerta perché Siena non venga solo vista ma letta».

Angela Gorellini