Siena,  2 febbraio 2018 - Il padre violento  che imponeva alle donne di casa di rispettare i suoi ordini e anche di osservare le regole della religione islamica, compreso indossare il velo, verrà processato. Maltrattamenti in famiglia e lesioni le accuse, sostenute ieri dal pm Aldo Natalini anche se l’inchiesta è stata seguita dal suo collega Nicola Marini.

A mettere un primo punto fermo nella vicenda, che ha creato grande scalpore in provincia, è stato ieri il gup Roberta Malavasi al termine della camera di consiglio rinviando appunto a giudizio l’artigiano kosovaro di 39 anni, difeso dall’avvocato Manfredi Biotti. Tutto  era nato dalla denuncia della figlia di 17 anni, nell’aprile 2017.