Siena, 7 gennaio 2017 - Bottino in fumo. E non è una metafora. Questa volta la banda dei supermercati è riuscita a far esplodere la cassaforte. Senza però mettere in conto la possibilità che, magari una scintilla, innescasse l’incendio. Così il consistente incasso del Simply in piazza Maestri del lavoro, che era custodito nel contenitore di sicurezza e al quale i malviventi puntavano, è andato a fuoco. In fumo, appunto. «Vede, questi sono i resti delle mazzette da 50», indica il direttore generale Graziano Costantini mostrando l’interno dello scheletro annerito della cassaforte. Il denaro è diventato cenere. Dunque il colpo è fallito. Ma la banda, forse la stessa che da prima di Natale sta agendo fra la Valdichiana, la Val d’Arbia e Siena, sembra intenzionata a non demordere.

LEGGI IL SERVIZIO NEL GIORNALE IN EDICOLA