Siena, 30 dicembre 2017 - "Il Comune di Siena considera ogni cittadino in modo uguale e questa vicenda lo dimostra ancora una volta. Sono convinto della assoluta buona fede di Anna Ferretti nell'acquisto della casa oggetto della contestazione urbanistica e spero che lo possa dimostrare prima possibile". Interviene così il sindaco Bruno Valentini dopo le dimissioni dell'assessore che hanno scatenato su Facebook commenti di semplici cittadini e attestati di stima da parte di molti esponenti politici, del sindacato e del terzo settore. E c'è anche chi mette già sul tavolo l'idea, vedi Francesco Burroni, di lanciare una "campagna per Anna Ferretti sindaco".

"Mi dispiace tantissimo - scrive il presidente della commissione sanità della Toscana Stefano Scaramelli - mi sento pubblicamente di dire che sei il migliore assessore alla sanità e al sociale che ho incontrato e con il quale ho collaborato in questi due anni e mezzo".

E ANCORA. "Sei stata un punto di riferimento in questi anni non sempre facili di lavoro nel mio percorso di amministratore di SienaCasa. Spero che tu possa chiarire al più presto  la tua posizione per la correttezza che hai sempre dimostrato", sottolinea Claudio Botarelli, amministratore delegato di Siena Casa.

"IN TE abbiamo sempre trovato  un intrlocutore attento e informato - aggiunge Claudio Guggiari, segretario provinciale della Cgil - . MI dispiace per la tua scelta  che tuttavia trovo coerente con quanto affermi e in piena sintonia con la persona che ho conosciuto. Grazie".

"Grande apprezzamento per la tua scelta - scrive il sindaco di San Gimignano Giacomo Bassi - stima profonda e ammirazione  per il tuo lavoro di assessore svolto in questi anni"

 SCRIVE  ancora il sindaco Valentini: "Il lavoro svolto da Anna Ferretti come assessore è stato eccellente, con risultati tangibili e molti progetti positivi avviati. Purtroppo la scelta di Anna Ferretti non era negoziabile o rinviabile e quindi bisogna prenderne atto con riconoscenza e con rispetto per la trasparenza delle motivazioni, totalmente separate dall'attività dell'assessorato. Se Anna vorrà, continuerà ad essere un punto di riferimento delle politiche sanitarie e sociali di Siena anche senza svolgere incarichi formali, perché troppo grande è il suo bagaglio di esperienza, la sua lucidità intellettuale e la generosità con cui ha affrontato le sfide di questi anni. Sono quindi io a ringraziare Anna Ferretti per il contributo fornito per salvaguardare e i servizi verso chi ha bisogno e potenziare la sanità pubblica, aiutando Siena ad uscire dalla peggiore crisi degli ultimi anni, che poteva danneggiare irreparabilmente il sistema di welfare cittadino, che invece ne è uscito rafforzato".