Siena, 19 marzo 2017 - «MARIO tranquillo, te le guardo io le spalle!» E ancora. «Allora, ma che ti è successo?» «Non mollate, forza». Tutti in fila a comprare le frittelle nella casina di legno in Piazza del Campo. Ex cavallai e professionisti, cittadini e persone che hanno rivestito ruoli di primo piano. Ondata di affetto per una delle ‘istituzioni’ della città, Mario Savelli, al centro di un episodio inquietante. Olio esausto e diavolina sistemati accanto a una porta della baracchina: gesto dimostrativo. Un segnale da non sottovalutare. «C’è stata tantissima solidarietà. Messaggi di sostegno, anche ora. Molti sono di persone che neppure conosco», racconta Savelli.

«Appena arrivammo venerdì mattina, i ragazzi sentivano un odore strano... O che banda è, dissi. Poi vedi (indica un lato della casina, ndr), avevano sparso della roba e messo tre pezzi di diavolina. Per fortuna la sostanza non è entrata dentro perché il pavimento, all’interno, è rialzato», spiega mentre guarda la macchia rimasta sui mattoncini nonostante la bonifica. «Cosa penso di questa vicenda? Tutto e nulla, dalla cosa più stupida di un ragazzino che magari ha un po’ bevuto a... dico la verità, via, non ho un’idea precisa», spiega Maria Pace Carapelli, moglie di Savelli.

LEGGI IL SERVIZIO NEL GIORNALE IN EDICOLA