Arcola, 6 aprile 2017 - Ha dovuto frenare bruscamente per evitare l’impatto con un Suv in sorpasso e il carico si è rovesciato sulla cabina di guida. Ha rischiato di rimanere schiacciato da due blocchi di marmo, di 15 tonnellate ciascuno, un cinquantasettenne di Carrara, autista del tir coinvolto ieri mattina, attorno alle 6.30, in un incidente stradale sulla statale Aurelia di Arcola, a pochi metri di distanza dall’ingresso del vivaio ‘Gardenflora Trio’.

La dinamica del sinistro sembra essere chiaro ai carabinieri che sono intervenuti per i rilievi e che stanno indagando su eventuali responsabilità dell’accaduto: il conducente del suv, 51 anni di Sarzana, ha sorpassato il tir, convinto di riuscire nella manovra ma quando si è trovato di fronte le altre auto che stavano sopraggiungendo nella carreggiata opposta al suo senso di marcia, ha tentato di rientrare, sterzando e andando a scontrare il mezzo pesante. Il conducente del tir, a sua volta, ha tentato di evitare l’impatto, frenando bruscamente.

È stato a questo punto che il carico ha sfondato il container: il marmo si è rovesciato sulla cabina di guida, per fortuna senza raggiungere l’uomo che, per lo spavento, è finito in ospedale. L’autista del tir non è grave ma provato per l’accaduto. Il traffico è stato regolato dalla polizia municipale di Arcola, che ha bloccato il transito sull’Aurelia per consentire ai vigili del fuoco di intervenire per rimuovere i blocchi di marmo: le operazioni di messa in sicurezza del mezzo sono proseguite per tutta la mattinata, con i vigili del fuoco che hanno impiegato un’apposita autogru, arrivata dal comando della Spezia.

Anche il conducente del suv è stato trasportato, in ambulanza, all’ospedale di Sarzana, per accertamenti, ma non ha riportato ferite. L’incidente di ieri mattina ha alimentato nuove polemiche tra i residenti, convinti più che mai della necessità dell’ordinanza per bloccare il transito dei mezzi pesanti sull’Aurelia, anche se l’incidente stradale sembra non essere imputabile al conducente del tir. Il comandante della municipale di Arcola, Luigi Bonotti, fa sapere che forse entro la settimana Anas, proprietaria della strada, fornirà il parere obbligatorio per l’ordinanza, che sarebbe dovuta essere emessa entro il 28 febbraio, così come aveva detto il sindaco Emiliana Orlandi, nel consiglio comunale di dicembre.

La burocrazia sembra aver giocato un brutto scherzo al Comune, propenso a fermare il transito dei tir su quel tratto di strada. «L’incidente ha messo in luce una criticità nota, per fortuna è andata bene» sottolinea il sindaco Orlandi.