Santo Stefano Magra (La Spezia), 2 luglio 2017 - L’INCIDENTE stradale non è stato direttamente causato da uno stato di alterazione dovuta all’assunzione di stupefacenti. Ma la positività alla cannabis è stata comunque riscontrata dalle analisi eseguite al pronto soccorso e per questo scatteranno per un trentenne spezzino i provvedimenti di legge. P.L. è stato protagonista nei giorni scorsi di uno spettacolare incidente in via Tavilla a Santo Stefano Magra: con la sua automobile infatti viaggiando contromano ha centrato un altro mezzo preveniente in senso opposto. Entrambi i conducenti nel violento impatto sono rimasti feriti e l’autoambulanza intervenuta per i primi soccorsi li ha trasportati all’ospedale di Sarzana. Mentre la polizia municipale, in realtà un unico agente in servizio considerata la carenza di personale del comando di Santo Stefano Magra, insieme ai carabinieri della locale stazione hanno provveduto a rilevare l’incidente e disciplinare il traffico in una via molto ristretta. Ma l’agente della polizia locale una volta arrivato al pronto soccorso ha chiesto ai sanitari di procedere a ulteriori accertamenti tossicologici su entrambi i feriti. E così è emersa la positività ai cannabinoidi di uno di loro, il responsabile dello scontro. L’assunzione non sarebbe attuale ma recente. Oltre alla sanzione prevista dal codice della strada di 321 euro e la decurtazione di 10 punti dalla patente di guida e la sospensione da 1 a 3 mesi spetterà al Prefetto stabilire in base al testo unico in materia di stupefacenti le ulteriori sanzioni e procedure da seguire.