Sarzana, 3 gennaio 2018 -  SCENA muta ieri dal gip Marta Perazzo da parte di Filippo Palmeri, l’ex titolare di un night nella zona di Marinella, arrestato dai carabinieri di Sarzana con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti all’esito di un’indagine ancorata ad intercettazioni telefoniche.

Da esse è emersa anche l’abitualità dell’uomo ad organizzare presso la sua abitazione anche droga party a base di cocaina e sesso. Questa circostanza aveva trovato riscontro all’esito dell’esecuzione dell’ordine di custodia cautelare (chiesta dal pm Luca Monteverde e firmata dal gip Perazzo) il 28 dicembre scorso, quanto venne trovato in compagnia di due donne in abiti succinti e vennero rinvenuti sul letto 30 grammi di cocaina. Di qui anche l’arresto-bis in flagranza, per il quale si è già incardinato il processo per direttissima. Fosse stato solo per quella contestazione, Palmeri - assistito dagli avvocati Francesco Vetere e Riccardo Ragusa - sarebbe già ai domiciliari, concessi dal giudice in sede di convalida dell’arresto in flagranza. Ma resta in carcere perché gravato dagli indizi dell’indagine madre. Ieri la scelta di avvalersi della facoltà di non rispondere davanti al gip, nell’interrogatorio di garanzia.