Ameglia (La Spezia), 5 dicembre 2017 - Si sono presentati in 117, molti meno rispetto ai 168 iscritti che avevano consegnato la domanda di partecipazione entro la data di scadenza del bando, per sperare di fare centro. Il percorso verso l’unica divisa in palio è partito ieri con la prima prova a quiz e proseguirà lunedì prossimo con un altro test prima di giocarsi l’ultima carta agli orali.

Il concorso per un posto fisso nel comando della polizia municipale di Ameglia si è aperto ieri mattina nella palestra dell’istituto scolastico «Don Lorenzo Celsi» attrezzata per accogliere l’invasione non essendoci altro spazio adeguato tra le strutture comunali. Qualcuno è arrivato perfino da Torre del Greco, tanti giovani toscani, emiliani e diversi liguri: disoccupati, in cerca di una diversa collocazione oppure intenzionati a dar seguito alle esperienze già sostenute con contratti a tempo determinato nel corpo della municipale. Insomma tutti sognano di dare finalmente la svolta al percorso occupazionale seppur facendo i conti con la sola certezza: alla fine ne resterà uno solo. Qualcuno non era nuovo al tentativo, avendolo già provato in altre città, altri lo hanno colto al volo aggiungendo un nuovo tentativo alle altre occasioni già provate. Nel freddo delle prime ore del mattino erano già pronti a entrare in «aula» per sostenere la prima prova a quiz: 30 domande a risposta secca inerenti al codice della strada, nozioni di penale, amministrativo risolti in meno di un’ora per poi sperare.

La commissione di esame era composta dal comandante della polizia locale Marina Musetti, l’agente Massimo Santi e la collega Gioia Credenzuoli del comando di Carrara, Elisabetta Quadrelli responsabile delle attività produttive del Comune di Ameglia e la dipendente Mariella Castagna. Presente anche l’assessore alla polizia municipale Emanuele Cadeddu oltre ai volontari della Protezione Civile che hanno collaborato con l’ufficio tecnico per l’allestimento della palestra e il coordinamento delle operazioni di ingresso. In municipio non ricordavano l’ultimo concorso svolto per l’assunzione di un agente ma la prova si è resa necessaria considerati i numeri delle forze in servizio.

DUE SOLI agenti, oltre al comandante, sono diventati pochi per garantire il servizio al pubblico e contemporaneamente quello su strada. Per questo l’impegno dell’amministrazione comunale, dopo gli anni di condivisione con il comando di Sarzana e la prospettiva mai decollata di unione di funzioni con il Comune di Lerici e tanti contratti stagionali, ha deciso di investire e assumere. Una scelta che arriva alla vigilia della scadenza dei contratti a tempo determinato che lasceranno spazio al nuovo assunto che, salvo clamorose situazioni, entrerà in servizio con l’inizio del 2018.