Sarzana (La Spezia), 6 novembre 2017 – La polemica è durata un giorno. Tutto risolto, o quasi, in una domenica mattina. Tra allerta meteo e malumore il “difetto” di comunicazione è stato almeno in parte risolto e alla fine il raduno delle scuole di circo è salvo: potrà compiere il suo tredicesimo compleanno. Non che la rassegna fosse mai stata messa in discussione: come spiega l’assessore alla cultura Nicola Caprioni non c’era nessuna richiesta per la Fortezza Firmafede per l’ultimo week-end di aprile quando è stata prenotata dall’amministrazione comunale per la mostra-mercato “Dalla terra alla tavola”.

"L’unica richiesta dell’associazione FacciamoCirco era per il teatro – spiega l’assessore Caprioni – quindi ho pensato che gli spazi dell’Impavidi esaurissero le necessità del raduno. A quanto pare invece la presidente Alina Lombardo ha dato per scontato l’utilizzo anche della Cittadella in quelle date senza presentare la richiesta. Ora ci siederemo a un tavolo e chiariramo quali sono le necessità e se le due manifestazioni sono compatibili. Certo spostare la mostra-mercato è possibile ma comporta delle difficoltà organizzative". Resta da capire dunque se la rassegna nazionale legata all’alimentazione e organizzata dall’assessore Caprioni alla fine sarà spostata.

La presidente di “Facciamo Circo” e coordinatrice delle associazioni culturali aveva visto nell’«occupazione» della Cittadella per le date del raduno il rischio di una cancellazione della sua manifestazione. Ad assicurare la volontà dell’amministrazione comunale di mettere a disposizione la Cittadella per il raduno delle scuole di circo nell’ultimo week-end di aprile come pensato dall’organizzazione è il sindaco Alessio Cavarra. Ieri mattina, appena scoppiata la polemica, ha incontrato Alina Lombardo «per far luce sul grosso equivoco che l’ha indotta a ritenere annullata la manifestazione», spiega il primo cittadino. «Ho sempre annoverato il Raduno di circo – precisa Cavarra - tra gli eventi che mi stanno più a cuore. Nacque con me quando ero assessore e continuerò a sostenerlo fino alla fine del mio mandato. Per la tredicesima edizione del 2018, poi, stiamo già lavorando per verificare le caratteristiche tecniche del teatro Impavidi in modo da ospitare in quella prestigiosa sede e inserire in cartellone gli spettacoli serali della Rassegna di circo contemporaneo che, dagli ultimi anni, arricchiscono il programma del Raduno».