Pontedera, 11 febbraio 2018 - Altri sei minuti (più il recupero) e il Prato avrebbe compiuto l'impresa di battere il Pisa. Due volte in vantaggio, i lanieri si sono fatti rimontare altrettante volte dai nerazzurri, l'ultima delle quali, appunto, sul tramonto del derby, terminato 2-2. Ad aprire le danze davanti a più di 2000 tifosi pisani presenti al Mannucci di Pontedera (è lì che il Prato disputa le sue gare interne) che pochi istanti prima del fischio d'inizio avevano accolto con un boato la notizia della sconfitta casalinga della capolista Livorno, è stato Fantacci, il cui sinistro, deviato da un difensore, ha fatto impennare la palla scavalcando Voltolini e interrompendo a 483 minuti l'imbattibilità dell'undici di Pazienza.

Cinque minuti più tardi il destro angolato di Negro ha ristabilito la parità, durata fino a pochi istanti prima del riposo, quando Ceccarelli su punizione (deviata ancora da un difensore in barriera) ha di nuovo fatto scattare in avanti il Prato. L'arrembante ripresa disputata dal Pisa ha trovato un muro nel portiere Sarr, autore di almeno tre interventi decisivi, poi è stato il destro imprendibile di Gucher (palla schizzata sull'interno del palo più lontano) ad evitare una mesta figura al Pisa, sceso però al quarto posto in classifica.

IL TABELLINO

PRATO-PISA 2-2

PRATO (4-1-4-1): Sarr; Ghidotti, Casale, Martinelli, Seminara (29' st Coccolo); Gargiulo (29' st Bonetto); Ceccarelli (40' st Zucchetti), Bertoli (40' st Colli), Fantacci, Piscitella; Carletti (18' st Akammadu). A. disp: Alastra, Liurni, Cistana, Rozzi, Giannini. All. Catalano.

PISA (4-2-3-1): Voltolini; Birindelli, Ingrosso, Carillo (9' st Lisuzzo), Filippini; Gucher, De Vitis (24' st Di Quinzio); Lisi, Negro (24' st Masucci), Maza (1' st Giannone); Ferrante (1' st Eusepi). A disp: Campani, Sabotic, Mannini, Maltese, Setola, Izzillo, Cagnano. All. Pazienza.

Arbitro: Amabile di Vicenza. Marcatori: pt 3' Fantacci, 8' Negro, 45' Ceccarelli; st 39' Gucher.

Note: spettatori 2200 circa; ammoniti: Martinelli, Ingrosso; angoli 3-9.