Prato, 10 ottobre 2017 - Ambasciatori del gusto nel mondo. È stato direttamente il ministero dell’istruzione ad investire sei alunni dell’istituto alberghiero Datini per il progetto ‘Made in Italy’ che a novembre porterà le bontà tipiche della nostra regione e di Prato sulle tavole di importatori e professionisti del settore gastronomico di Hong Kong, Bangkok e Vancouver. Vini di Carmignano, biscottini alla mandorle, la Formaggeria di Prato e i sottoli dei Fratelli Lombardi insieme ai prodotti della Coop sbarcheranno oltreoceano per deliziare i palati e convincere che la Toscana e Prato in particolare, sono luoghi da visitare.

A portare la bandiera del Made in Italy all’estero saranno sei alunni di quinta superiore del Datini scelti per meriti scolastici: Luca Branchi, Hu Li Mei Linda, Giulia Manconi, Dalila Trezza, Giacomo Gori e Grazia Maraventano che verranno accompagnati dal dirigente Daniele Santagati con i professori Claudia Ferrara, Rometo D’Oronzio e Bernardo Somigli. «L’incarico dal Miur di rappresentare l’Italia prima a Hong Kong e Bangkok e poi a Vancouver ci riempi di soddisfazione - spiega il preside del Datini Daniele Santagati - Questo dimostra la competenza della nostra scuola e l’opportunità per i nostri ragazzi di fare esperienza all’estero. Stiamo già guardando al futuro:obiettivo Argentina e Cile». Sulle tavole i nostri studenti prepareranno piatti della tradizione toscana rivisitati in chiave moderna: dalla pappa al pomodoro al peposo presentato in versione street food fino ai cantuccini.

«Siamo veramente orgogliosi di questa scuola e di questi ragazzi che diventano ambasciatori del cibo italiano nel mondo. Per le nostre imprese è l’occasione in più per farsi conoscere in tutto il mondo e per far comprendere la genuinità e l’eccellenza delle nostre produzioni», commenta afferma l’assessore al turismo Daniela Toccafondi. «Un progetto importante che fa incontrare scuola, istruzione, made in Tuscany e cucina, che sono le nostre eccellenze - dichiara la consigliera regionale Ilaria Bugetti. - Un bel modo per far arrivare l’eccellenza Toscana in tutto il mondo. Un progetto che la Regione non poteva non patrocinare e supportare».

Un imbocca al lupo speciale è arrivato anche dal sindaco Biffoni: «È una concreta occasione di crescita professionale da aggiungere ai curriculum. Potranno farsi conoscere all’estero e far conoscere la nostra città. Bravi tutti, è davvero una bella soddisfazione».

Silvia Bini