Prato, 10 settembre 2017 - Biblioteca e stili di vita corretta. Sono i due temi attorno cui ruotano altrettanti fotoromanzi che saranno presentati oggi pomeriggio in biblioteca. Protagonisti attivi del progetto sono i pazienti del centro di salute mentale dell’Asl che insieme ai loro educatori hanno realizzato due storie catalizzate dalle immagini in bianco e nero che sono diventate la sintesi dei due fotoromanzi. In particolare «Galeotto fu il libro» e «L’importante è la salute» sono due foto storie che parlano di amore: il primo è ambientato nella biblioteca Lazzerini, il secondo racconta e promuove i buoni stili di vita attraverso suggestive immagini. Nella sala conferenze della biblioteca Lazzerini, nell’ambito delle iniziative di ‘Un autunno da sfogliare’, sarà presentato il progetto «Galeotto fu il libro», realizzato grazie alla collaborazione fra Dryphoto arte contemporanea, l’Unità funzionale complessa salute mentale adulti zona Prato Usl Azienda Toscana Centro e la biblioteca Lazzerini.

Il fotoromanzo, strumento narrativo popolare per eccellenza, diventa così, attraverso semplici scene di vita quotidiana e immagini di alcune delle ‘bellezze’ di Prato, un mezzo di diffusione della lettura e di comportamenti salutari. Protagonisti di questo lavoro piacevole e coinvolgete, un artista - Andrea Abati - gli educatori e un gruppo di pazienti del centro diurno dell’Unità funzionale salute mentale adulti dell’azienda sanitaria Toscana Centro, uno spazio d’arte - Dryphoto arte contemporanea.

Alla presentazione del progetto oggi pomeriggio alle 17 saranno presenti Luciano Fossi, direttore Ff Ufcsma Prato Usl Toscana Centro, Antonio Avitabile, direttore Biblioteca Lazzerini, Andrea Abati, Dryphoto arte contemporanea, Sabra Manetti e Francesca Frau, educatrici professionali della salute mentale adulti insieme agli interpreti del fotoromanzo. Per informazioni 0574-1837828. Oppure via mail scrivendo a: lazzerini@comune.prato.it