Prato, 9 marzo 2017 - Il fratello di una negoziante è rimasto ferito da un colpo di pistola durante una rapina. E' accaduto nella serata di mercoledì 8 marzo intorno alle 20 in via Zarini, in una zona abbastanza centrale della città. L'uomo, Lorenzo Meoni, 36 anni, è stato curato in ospedale. Se la caverà, ma sono stati attimi di terrore. Il rapinatore è entrato nel negozio e ha chiesto alla proprietaria di dargli tutti i soldi, senza, in un primo momento, tirare fuori la pistola. Ha anche dato uno schiaffo alla donna. 

Il fratello ha reagito. A quel punto il rapinatore, che aveva una sciarpa sul volto e occhiali da sole per nascondere il volto, ha tirato fuori l'arma, una calibro 38, almeno secondo i primi rilievi. Ha sparato tre colpi rivolgendo l'arma verso il pavimento. Uno dei proiettili è rimbalzato e ha quindi colpito alla gamba il 36enne.

Il malvivente, che non si aspettava la reazione del fratello della proprietaria, è quindi fuggito, sembra a piedi attraverso i campi lì vicini. Gli abitanti della zona hanno sentito gli spari, ma hanno pensato a dei petardi. Solo quando hanno sentito il trambusto e l'arrivo dei carabinieri si sono affacciati e hanno capito che qualcosa di grave era successo.

Immediato l'arrivo dei carabinieri e del 118, che ha accompagnato in ospedale l'uomo. La radiografia effettuata dai medici ha confermato la presenza del proiettile nella gamba. Indaga il nucleo investigativo dei carabinieri, mentre la sezione scientifica effettua gli esami balistici.