Firenze / Arezzo / Empoli / Grosseto / La Spezia / Livorno / Lucca / Massa Carrara / Montecatini / Pisa / Pontedera / Pistoia / Prato / Sarzana / Siena / Viareggio / Umbria

Il supermarket del sesso a pagamento Al lavoro dalle 10 del mattino

Dal Mercatale a via Firenze da via Matteotti

Viaggio fra le cinesi che cercano una clientela 'matura'

Prostituzione cinese in piazza Mercatale nel pomeriggio
Prostituzione cinese in piazza Mercatale nel pomeriggio

Prato, 20 marzo 2012 - C’ERA UN TEMPO in cui la prostituzione aveva perfino un qualcosa di romantico. Pensi alla Bocca di Rosa di De Andrè, all’ispirazione dettata dall’amore mercenario che portò Gino Paoli a scrivere «Il cielo in una stanza» (ma sarà poi vero?), al rito iniziatico di tanti giovani di un’epoca che non c’è più. Ecco, tutto questo è quanto di più lontano ci possa essere dal sesso a pagamento in vendita sulle strade del centro o appena fuori le mura, su quello che ormai si è imposto come «asse viario della prostituzione»: parte da via Firenze, arriva al Mercatale passando da via Matteotti. Un supermarket delle lucciole, anche se si dovrà trovare un altro appellativo: ormai non sono più né lucciole né belle di notte, perché questo tipo di commercio è arrivato prima delle liberalizzazioni del governo ed è aperto 24 ore su 24, domeniche comprese.

 

ABBIAMO fatto un giro mattutino per vedere cosa succede e le scoperte non sono state poche. Si parte da piazza Mercatale: il «negozio» a cielo aperto apre alle 10-10.15. Donne cinesi, una particolarmente giovane, si riuniscono sul lato che guarda la chiesa di San Bartolomeo. Arrivano in bicicletta: «Ciao, eccomi», è il saluto gridato che proviene dall’altra parte della strada da una ritardataria.

 

Sull’altro lato della piazza, davanti all’ex casa del fascio, una connazionale è già al lavoro, ma il passaggio è davvero scarso. Il gruppo, in totale, conta cinque prostitute al lavoro a metà mattina in una piazza del centro storico. Dopo un po’ guardano il cronista con sospetto e si allontanano: forse pensano a un poliziotto. Speriamo non a un maniaco. Fatto sta che si siedono sui gradini della chiesa e, non appena lo vedono allontanarsi riprendono subito posizione. La più giovane è anche la più intraprendente: «Ciao, vieni a sc...?», dice a un anziano che regge l’anima coi denti e che si trova a passeggiare nella parte alberata del Mercatale. Lui scuote la testa e passa avanti. Eppure è proprio questo l’obbiettivo di mercato, il cosiddetto target, al quale le professioniste mirano: la terza età. Giornata, magra ma potrebbe andare peggio. Potrebbe piovere. E di lì a poco si scatena una grandinata.

 

SECONDA tappa, via Matteotti, la regina delle strade più oppresse dal fenomeno. E dire che è zona residenziale, con alcune delle case più belle della città, un magnifico viale alberato... Eppure, nel tratto che da ponte alla Vittoria porta a via Matteotti, alle 11 meno un quarto ci sono già tre cinesi con bicicletta d’ordinanza in attesa di clienti. Anche qui la sensazione è confermata: l’anziano è il cliente migliore, si abbassa il rischio di incappare in un soggetto violento o insolvente, di solito è più gentile. Ed ecco che una delle tre ragazze si avvicina a un uomo decisamente maturo in fase di parcheggio: «Vuoi fare l’amore?».

 

Lui è perplesso: si intuisce che obbietta la difficoltà di consumare in auto in pieno giorno. Lei si sbraccia e risponde: «Non qui, là, là», e indica verso il centro. Non è un gran mistero: nella zona del Mercatale, in via Sant’Antonio e limitrofe, ci sono appartamenti affittati dalle cinesi per i rapporti a pagamento.

 

Intanto, dall’altro lato della strada, una quarta cinese se ne sta sola soletta in attesa: non ha la faccia felice. Anzi, è molto triste.

 

IL TOUR finisce lungo via Firenze, passata via Giorgi. Sorpresa: c’è una cinese, effettivamente, ma poco appariscente. Anzi, decisamente defilata. Ma pochi passi più avanti ecco la sorpresa: una italiana, molto più evidente nei suo atteggiamenti. Ai Lecci, invece, almeno al mattino non c’è più traccia di corpi in vendita. Cambiamenti di mercato.

                                                                                                                                                                   Luca Boldrini

comments powered by Disqus
video prato
Trova aziende e professionisti
Powered by ProntoImprese

  • Notizie Locali
  • il Resto del Carlino:
  • La Nazione
  • Il Giorno
  • Blog
Copyright © 2013 MONRIF NET S.r.l. - Dati societari - P.Iva 12741650159, a company of MONRIF GROUP