Prato, 27 gennaio 2018 - Ultimo weekend di gennaio in compagnia del grande cinema.

All’Eden di via Cairoli, tre ottimi film, due conferme e una novità. Seconda settimana di programmazione per il nuovo film diretto da Paolo Virzì. Il regista livornese cambia registro e si trasferisce negli Stati Uniti per Ella & John, ovvero il rocambolesco viaggio in camper di due arzilli vecchietti interpretati da due miti del cinema. Ella è Helen Mirren, John è Donald Sutherland. Da Boston alle Key West, nella speranza di visitare la casa di Ernest Hemingway, di cui John è appassionato. Un viaggio nella provincia americana, quella che si sarebbe preparata alle elezioni del 2016 vinte da Donald Trump. Soprattutto un viaggio nel mondo di due anziani un po’ acciaccati, nel corpo e nell’anima. I loro ricordi, scanditi da proiezioni di diapositive nelle piazzole dei campeggi , l’affetto che li tiene uniti, fra segreti mai confessati. Virzì dimostra di saper dosare molto bene la commedia e il dramma, senza cadere nel patetico. Seconda settimana anche per L’ora più buia, splendido ritratto del primo ministro inglese Winston Churchill con il volto di Gary Oldman, nella performance più riuscita della sua carriera. E chissà che non arrivi anche l’Oscar. Sarebbe meritatissimo. La novità dell’Eden è un film molto atteso, Chiamami con il tuo nome, ottima prova per il regista italiano Luca Guadagnino, più apprezzato all’estero che in patria. Un libro di successo di Andrè Aciman, una sceneggiatura scritta dal grande James Ivory e una regia di ottimo livello che racconta la storia di un incontro, di una passione, di un desiderio che scatta tra il diciassettenne Elio e il più maturo Oliver. Bel film che merita tutte e quattro le nomination all’Oscar. Sia «L’ora più buia», sia «Chiamami col tuo nome» saranno riproposti lunedì 29 in lingua originale.

Novità in arrivo anche al Terminale. Ecco la nuova regia di Luciano Ligabue. Sedici anni dopo "Da zero a dieci" e venti dopo il sopravvalutato "Radiofreccia", il cantautore torna al cinema con Made in Italy. Protagonisti Stefano Accorsi e Kasia Smutniak.

Al Pecci, da non perdere il documentario su Fabrizio De Andrè, Principe libero, domani alle 17,30. Poi omaggio al cinema di Jean Vigo.

Federico Berti