Notizie Prato
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
IL FATTO

"Giovani ragazze disponibili"
Ecco i sexy annunci dei cinesi

In via Pistoiese, via Filzi, via Becagli e altre ci sono migliaia di cartelli e offerte. Alcuni pratesi ne hanno tradotti quattro a caso per riuscire a capire cosa c'era scritto. Si vende casa, si cerca lavoro ma anche prostituzione

Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Prato, 27 settembre 2008 - Incontri con sexy parrucchiere? Basta girare a Chinatown, conoscere un po’ il cinese e leggere sui muri. Sì, perché in via Pistoiese, via Filzi, via Becagli e in tutte le strade dove vive la comunità orientale si possono trovare cartelli e annunci abusivi dappertutto, scritti su volantini di fortuna oppure direttamente sull’intonaco dei muri. Anzi, c’è chi ha pensato bene di lasciare il proprio messaggio anche sulla Porta Pistoiese, senza dimenticare il tazebao davanti all’Unicredit che è scomparso per poche ore nei giorni della stretta dei controlli e che poi è puntualmente ricomparso qualche ora dopo, un po’ come i laboratori pieni di clandestini. Questa volta però i residenti non sono rimasti a guardare ed hanno deciso di capire cosa c’è scritto in quella miriade di volantini appesi ovunque che sono stati anche fotografati.

 

Grazie all’aiuto di chi conosce il cinese ne sono stati tradotti quattro. In tre casi si tratta di sexy proposte, in uno invece il sesso non c’entra ma c’entrano gli affari, perché si tratta di un annuncio immobiliare. Il primo volantino messo sotto la lente dai residenti della zona dice: "Specializzazione incontri. Apertura 6 maggio chiusura 30 maggio. Nuove ragazze a servizio completo, incontri trasparenti cristallini, come cristallo intagliato". Poi ci sono le indicazioni e dei numeri di riferimento, che del resto sono spesso ben visibili sui muri perché scritti a caratteri cubitali.

 

Nel volantino numero due ci sono anche l’immagine di una rosa e una cartina stilizzata, così anche gli italiani, arrangiandosi, potrebbero trovare il posto. Chi l’ha attaccato avrà pensato: non si sa mai a chi può interessare... Ecco la traduzione ottenuta dai residenti: "Consigliato/Esclusivo centro taglio capelli e acconciature nuovo servizio. Disponibilità ragazze... Ottimo taglio". Poi ecco gli immancabili riferimenti telefonici. La 'lezione' di cinese non si è fermata qui, anche se ormai è chiaro di che tipo di messaggi è tappezzata Chinatown. Volendo moltiplicare i due volantini tradotti dai residenti per le migliaia che si trovano nelle strade, anche sulle cabine dell’Enel, non si fa fatica a capire che l’offerta si allarga e di molto. Infatti anche il terzo testo non fa eccezione: "Nuovo centro massaggi, situato in zona cinese. Sexy e pulite giovani ragazze, personale disponibile e premuroso". Seguono numeri di telefono.

 

Chissà per quanto i residenti avrebbero potuto andare avanti con annunci dello stesso tipo, ma nella loro ricerca hanno trovato anche qualcosa di diverso. Sul volantino numero quattro si cambia registro e si passa agli affari: "Edificio su un unico piano adatto a negozio al piano di sopra". Qui i numeri di cellulare non ci sono, forse a Chinatown basta far sapere che c’è un immobile libero per farsi trovare.

 

Adesso i residenti si aspettano una mossa da parte delle autorità, anche perché i traduttori di cinese non mancano e spesso gli annunci sono talmente grandi che è difficile far finta di niente. Resta poi il nodo del cosiddetto 'muro della vergogna', la bacheca abusiva davanti alla sede dell’Unicredit che nessuno riesce a togliere, nonostante le proteste ed i tentativi di farlo rimuovere. Tentativi tutti miseramente falliti.

 

Anzi, adesso sembra molto diffuso anche un altro modo di fare 'comunicazione' all’orientale. Anziché sprecare carta, molti scrivono direttamente sui muri il loro annuncio e il loro numero di telefono. Non risparmiano nulla, nemmeno le pietre dell’arco di Porta Pistoiese. Che anche il centro storico, nel giro di pochi mesi, rischi un’invasione di sexy cartelli?

Leonardo Biagiotti










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

LA FOTO DEL GIORNO

Prato, Lucia Bosé al Pecci

Lucia Bosé al Pecci
e alla chiesa di Sasseta

Una delle attrici più in vista degli anni '60 ha fatto visita al Centro per l'arte contemporanea Pecci, poi ha visitato il 'Cristo bianco della valle' alla chiesa di Sasseta. Nel '48 la Bosé vinse il concorso di Miss Italia davanti a Gina Lolobrigida e Anna Maria Canale