San Miniato (Pisa), 8 dicembre 2017 - Più di 1000 iscritti al via, 700 solo per la gara competitiva. Numerosi i podisti provenienti da altre regioni e anche dall’estero. Nonostante la pioggia, imperterrita per tutta la mattina, è stata un successo la settima edizione della Mezza Maratona Città di San Miniato intitolata alla memoria di Giuseppe Cerone. Spettacolo nella gara competitiva di 21,097 chilometri per le strade del comune di San Miniato, ma anche nella maratonina non competitiva a staffetta sui 10 e 11,097 chilometri e nella marcia ludico motoria con mini run per bambini e fit walking. Rigorosamente accompagnate dai tanti palloncini colorati della onlus “Regalami un sorriso” e dal volo sopra le loro teste di un drone, che ha ripreso dall’alto tutte le fasi più importanti della manifestazione.

Una maratona che ha raccontato anche storie d’integrazione e coraggio. Al via c’era, infatti, il campione del Gambia Njie Nfamara tesserato Amatori Cisternino che non solo, rispettando i pronostici, ha vinto la gara maschile della competitiva col tempo di 1 ora e 10 minuti, ma ha potuto riabbracciare in gara l’amico Lamin Fatty arrivato come lui da profugo in Italia. Per non parlare del 44enne di Sondrio Davide Pruneri, conosciuto come “Running man”, che ha ricominciato a correre dopo un trapianto al fegato subìto nel 2015. Anche lui stamattina a San Miniato ai nastri di partenza.

E poi gli altri campioni della specialità: Massimo Mei, detentore del record della competizione, Juri Picchi, Antonio Prestanni, Silvano Antonini, Ivan Valenti, tra le donne Denise Cavallini, Veronica Vannucci, Margherita Cibei.

Anche se a spuntarla, nelle quote rosa, è stata la milanese Silvia Radaelli, tesserata Bracco Atletica, col tempo di 1 ora e 20 minuti.

Nella categoria Argento Maschile vittoria per Fabrizio Barbieri della Spezia Marathon Dfl, nella categoria Oro maschile vittoria per Sirio Salvadori (La Galla Pontedera), nei Veterani maschi acuto di Massimo Lucioli (Livorno Team Running), Serafina Donatelli (Marciatori Antraccoli) è stata la prima nelle Veterane.

Alle premiazioni, avvenute nel quartier generale della gara ovvero la Casa Cultura di San Miniato Basso, sono intervenuti il sindaco di San Miniato, Vittorio Gabbanini, e l’assessore allo sport, David Spalletti.