Pontedera, 9 agosto 2017 - Una procedura di licenziamento collettivo è stata notificata agli 85 dipendenti della Tmm di Pontedera, stabilimento industriale dell’indotto Piaggio destinato alla chiusura. “Stanno arrivando tempi bui per l’area industriale della Valdera, interviene la Usb. “Cerchiamo di imparare qualcosa dai fallimenti dei territori vicini. C’è bisogno di unire e non di dividere. Siamo pronti a sostenere i lavoratori e le lavoratrici nella loro battaglia per l’occupazione e la dignità”. “Intensificheremo il nostro impegno assieme alle istituzioni locali e nazionali perchè si possa arrivare a un loro possibile ricollocamento”, dichiara Federico Gelli, deputato pisano del Partito Democratico, davanti all’ufficialità del licenziamento collettivo degli 85 lavoratori della Tmm-Trasformazioni materiali metallici per cessazione attività. “Faremo di tutto per scongiurare la chiusura dello stabilimento e salvaguardarne la continuità produttiva”, aveva dichiarato ieri il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. I rappresentanti sindacali sono stati convocati a una riunione fissata per il 21 agosto prossimo in Regione, che ha anche chiesto o un incontro alla proprieta’ e sollecitato alla Piaggio, unica committente della Tmm, “una speciale attenzione”. Stamani la delegazione dei lavoratori è stata ricevuta in Prefettura. Pochi minuti dopo l'incontro è arrvata però la notizia dell'avvio della procedura di licenziamento.