Pontedera, 7 febbraio 2018 - Alcune settimane fa un padre trentaduenne si era presentato davanti all’asilo frequentato dal proprio figlio e aveva aggredito l’ex suocero facendolo cadere. Nella colluttazione era caduto anche il bimbo. Poi si era allontanato, cercando di far perdere le proprie tracce. Nonno e nipote, dopo l’intervento della polizia e della polizia locale che avevano allertato i soccorritori del 118, erano stati portati in ospedale, medicati e subito dimessi. Il grave episodio, però, non è stato archiviato. Anzi, da questo è partita un’indagine dei poliziotti del commissariato cittadino che hanno identificato l’aggressore – un trentaduenne italiano – al quale ieri è stata notificata la misura cautelare del divieto di avvicinamento emessa dalla Procura della Repubblica di Pisa. Il trentaduenne non potrà frequentare e avvicinarsi alla ex convivente, al figlioletto e ai genitori di lei.

L’attività dei poliziotti del commissariato di piazza Triestem che ha visto come fatto più grave l’aggressione del trentaduenne all’ex suocero i fronte all’asilo frequentato dal figlio, era iniziata prima con vari interventi in emergenza per maltrattamenti in famiglia, minacce e atti persecutori nei confronti della ex convivente e dei suoi genitori. La contravvenzione del divieto di avvicinamento farà scattare nei confronti del trentaduenne misure restrittive più gravi.