Pistoia, 3 dicembre 2017 - È stata una visita senza inconvenienti, quella del presidente Sergio Mattarella, a Pistoia. Ma se il dodicesimo presidente della Repubblica, si fosse sentito male? Avrebbe potuto contare sui volontari della Croce Verde di Lamporecchio, che lo hanno seguito in ambulanza per tutta la giornata, insieme alla scorta, pronti a intervenire in caso di qualsiasi emergenza. «La richiesta di disponibilità da parte dell’Usl, in maniera estremamente riservata, è arrivata dieci giorni fa – racconta Daniele Tronci, uno dei tre volontari in azione per Sergio Mattarella e vicesindaco di Lamporecchio – ma la conferma ufficiale della nostra presenza, è arrivata solo la sera precedente, probabilmente per motivi di sicurezza, quando abbiamo saputo il programma della giornata».

Dall'arrivo di Mattarella, la mattina verso le 10, all’aeroporto militare di Pisa, fino alla partenza intorno alle 18.30 dall’aeroporto di Peretola a Firenze, Daniele Tronci, Fabrizio Sena e Alessandro Pedini, i tre volontari della Croce Verde di Lamporecchio, sono stati a disposizione per la sicurezza del presidente. «Arrivati a Pisa, l’ambulanza è stata bonificata – spiega Tronci – ci sono stati controlli con i cani antidroga e sono stati presi dei presidi specifici per la sicurezza. Il nostro referente, per qualsiasi problema, è stato il caposcorta e da subito ci sono state date delle indicazioni ben precise: mai prendere iniziativa da soli e nel caso fossimo dovuti entrare in azione per soccorrere il presidente, avremmo dovuto attenerci alle indicazioni del medico e degli infermieri del Quirinale. Eravamo anche all’oscuro delle strade che avremmo percorso durante il corteo, dovevamo seguire l’auto di scorta che ci era stata assegnata».

Dopo l'arrivo a Pisa, il corteo presidenziale a cui hanno partecipato da protagonisti i volontari della Croce Verde di Lamporecchio, si è spostato fino al Sant’Anna di Pisa per l’inaugurazione dell’anno accademico, per poi arrivare all’Hotel la Pace di Montecatini dove il presidente era atteso per pranzo, fino a Pistoia per l’accensione dell’albero di Natale in piazza del Duomo e concludere la visita ufficiale. «E’ stata una bellissima esperienza», conclude Daniele. «Non capita certo tutti i giorni di vivere a pieno la giornata di un capo di Stato».

Benedetta Baronti