Pistoia, 19 marzo 2017 - Strade piene di buche, il fontanello dell’acqua che non è mai arrivato e il traffico che sulla provinciale lucchese rende complicata la vivibilità del quartiere. Pontelungo, frazione alle porte della città, reclama più attenzione da parte del Comune nonostante i cittadini ammettano che qualche lavoro è stato fatto, a partire dalla riasfaltatura della strada principale .

 

«E’  vero hanno asfaltato la provinciale Lucchese ma nel resto del quartiere ci sono dei veri e propri crateri – dice Pierino Laurenzi -. Basta guardare via di Bargi o altre strade limitrofe, dovrebbero fare i lavori ovunque». Stessa situazione anche in zona Coop dove Paolo Bugiani vive da anni: «Abito in via Corticella, una traversa di via Macallè a sfondo chiuso – dice – Siamo a due passi da Pontelungo e a poche centinaia di metri dal centro, ma siamo stati completamente dimenticati dall’amministrazione comunale. Sono anche stato a parlare con il sindaco. Lungo la strada non c’è né illuminazione né segnaletica tanto che l’ultima volta l’ambulanza non riusciva ad entrare per soccorrere una persona. Ma noi le tasse a chi le paghiamo - tuona – al vicino comune di Serravalle o a quello di Pistoia?».

 

Parla di strade poco praticabili anche Graziano Marini. «Dovrebbero livellare tutto – dice – Ma non soltanto in via provinciale Lucchese, ovunque, soprattutto nelle zone dove passano camion e Tir». Il traffico lungo la frazione è un altro dei problemi più sentiti per chi vive nel quartiere: «Qui parcheggiano come vogliono e le persone riescono a malapena ad uscire di casa» dicono alcuni passanti. «Volevamo l’acqua pubblica – spiegano invece Erica e Maurizio – Hanno dato un nome al giardino ma si sono dimenticati del fontanello che avevano annunciato a più riprese. Ecco quello farebbe comodo davvero». C’è poi chi frequenta Pontelungo ma vive all’interno, verso Pieve a Celle: «La condizione della strada è preoccupante – dice Maurizio Vannucchi – Buche a più non posso, senza parlare poi dell’illuminazione. Per tutto il tratto c’è soltanto un lampione». Anche Pontelungo dunque chiede più qualità e più attenzione all’amministrazione comunale del futuro, qualunque essa sia. Due problemi che purtroppo sono comuni alla grande maggioranza delle frazioni cittadine, dove troppo spesso ci si sente protagonisti soltanto nei mesi della campagna elettorale. E chissà quanto ancora durerà la pazienza.