Pisa, 9 novembre 2017 - Tutto può servire, anche la pretattica. Dunque niente lista dei convocati, né tantomeno conferenza stampa prepartita. Per la sua quarta partita da allenatore del Pisa, la seconda da quando ha ricevuto l'investitura piena dalla società, Michele Pazienza sceglie la via del silenzio. Nessun vantaggio per un maestro come Silvio Baldini, che battendo la Mannini e compagni nel derby di questa sera, potrebbe anche la sua Carrarese davanti ai nerazzurri, una posizione nemmeno immaginabile a inizio stagione. In difesa, comunque, sarà emergenza: Lisuzzo non ci sarà sicuramente, appiedato per un turno dal giudice sportivo per la bestemmia sfuggitagli alla fine della gara con la Pistoiese. E anche Ingrosso e Carillo rimangono in forte dubbio anche se nelle ultime ore sono in crescita proprio le quotazioni del giovane ex Paganese: il giocatore, infatti, almeno in parte, si è allenato con lo squadra ed è stato anche impiegato nella seduta tecnico-tattica. Dunque un suo impiego questa sera contro gli apuani non è escluso. L'altro punto interrogativo riguarda l'assetto che i nerazzurri contrapporranno al 4-2-3-1 della Carrarese. L'impressione, però, è che si possa andare verso un ritorno alle origini, ossia al 4-4-2 del primo Pisa targato Pazienza visto ad Alessandria. Che è stato anche il migliore delle quattro partite della nuova gestione. Se sarà così, in difesa agiranno Birindelli e Filippini sulle corsie esterne mentre Sabotic e chi starà meglio fra Carillo e Ingrosso giocheranno al centro. In mediana Gucher e De Vitis non si discutono, affiancati da capitan Mannini e Di Quinzio. In avanti ancora fiducia ad Eusepi, affiancato da uno fra Masucci e Negro.

Stasera, comunque, Mannini e compagni giocheranno quasi in casa. I tifosi nerazzurri, infatti, hanno acquistato 1.200 tagliandi e si preparano ad invadere lo Stadio dei Marmi. Per chi non potrà essere a Carrara, comunque, c'è la diretta streaming su sportubementre 50 Canale a partire dalle 20.15 proporrà la diretta “studio stadio” con interviste in diretta dagli spogliatoi nel dopo gara. Alle 22.30 su Telegranducato, invece, andrà in onda “Il Rossocrociato”.


Una vittoria contro gli apuani sarebbe regalo più che gradito anche per Agata Bonomo, moglie e compagnia per tutta la vita del “presidentissimo” Anconetani” (che la chiamava affettuosamente Titina): ieri ha compiuto 94 anni.