Pisa, sabato 6 gennaio 2018 - L’ultimo in ordine di tempo è Mazzeo (35 anni). In precedenza era sta la volta di Arrighini (28) e Perez (27) Se tre indizi fanno una prova, è molto probabile che il direttore sportivo Raffaele Ferrara e il consigliere d'amministrazione con delega per l'area tecnica Giovanni Corrado stiano seriamente valutando l'opportunità di rinforzare il reparto offensivo. Ovviamente a patto di aumentare in modo significativo il livello qualitativo e il ventaglio di opportunità a disposizione di mister Pazienza. A meno che qualcuno non lo chieda esplicitamente, infatti, nessuno dei “big” del reparto se ne andrà: dunque occorre un elemento capace d'integrarsi con i vari Eusepi, Negro, Masucci, Giannone e Mannini.

La voce relativa a Mazzeo, 21 reti in 28 gare l'anno scorso e otto in 15 quest'anno con la maglia del Foggia, è stata fatta circolare ieri pomeriggio dall'emittente televisiva Sportitalia: di sicuro c'è che il giocatore è elemento in grado di fare la differenza in serie C ed è molto stimato dalla dirigenza nerazzurra che l'estate scorsa ha provato a lungo a strapparlo ai “Satanelli”. L'intesa con Eusepi e Negro, poi, non dovrebbe essere un problema visto che con il primo ha giocato a Perugia e Benevento e con il secondo all Nocerina. Il problema, ancora una volta, potrebbe essere quello di convincere il Foggia, anche se il giocatore è reduce un infortunio piuttosto serio (lesione di secondo grado al collaterale del ginocchio sinistro) e non gioca dal 18 novembre scorso. Lo stesso problema, peraltro, riguarda Arrighini (28): l'attaccante farebbe carte false per tornare a vestire nerazzurro ma difficilmente il Cittadella lo lascerà partire. Perez (29), invece, lascerà quasi sicuramente l'Ascoli: sul giocatore, però, è forte anche l'interesse del Lecce che, nei giorni scorsi, avrebbe messo sul piatto addirittura un contratto triennale. Guai, poi, sottovalutare la pista che conduce a Gianmario Comi (26), bomber del Vicenza (sette reti in 18 partite finora)e figlio d'arte dato che suo padre è l'ex Roma e Torino Antonio, oggi diggì dei granata. Le difficoltà societarie del sodalizio veneto, infatti, ne fanno uno dei possibili pezzi pregiati del calciomercato di gennaio per chi, come il Pisa, è alla ricerca di rinforzi importanti per il reparto d'attacco.

A centrocampo, invece, il Pisa segue Francesco Lisi (29) dello Juve Stabia, laterale con il vizio del gol anche se quest'anno ha all'attivo una sola rete in 19 partite contro le otto realizzate in 35 gare nel campionato corso. Per portarlo in nerazzurro, però, ci sarebbe da superare la concorrenza del Livorno.

In uscita, invece, il giovane Zonta (20) tornerà all'Inter per essere girato in prestito al Bassano (serie C girone B) mentre Polverini (31) e Sanseverino (24) sarebbero vicini alla Reggina (serie C girone A). Tanti corteggiatori per Cernigoi (23), anch’egli seguito dal Bassano ma pure da Lucchese e Sudtirol.